To Top
Stellati

D’O – Davide Oldani

Lo chef Oldani, la cucina pop e l'armonia fra contrasti

Il  D’O di Davide Oldani in quel di Conaredo si è rivelato una meravigliosa scoperta. Si trova a soli 100 metri dal vecchio locale dello chef Oldani, affacciato sulla splendida piazza della Chiesa di San Pietro, che profuma di tutta la genuinità della provincia italiana. La location è molto diversa dalla precedente: la classica trattoria lombarda ha lasciato il posto a un ambiente moderno ed elegante, seppur essenziale e senza sfarzo. Lo stile è nordeuropeo, con grandi vetrate, colori tenui, tanto legno e una bellissima cucina a vista. L’ambiente è luminoso, caldo e ospitale: un ristorante stellato accogliente come una casa!

do-davide-oldani-tavoli

La firma è quella del maestro del design Piero Lissoni, ma lo chef ci ha messo del suo, disegnando personalmente tavoli, sedie, stoviglie e bicchieri. I tavoli sono ispirati ai vecchi banchi di scuola, con un piano inferiore a quello di servizio dove riporre eventuali oggetti, e le sedie hanno un ripiano per la borsa e una vaschetta per le chiavi e il cellulare. Perché per Oldani il design deve sempre combinarsi con la funzionalità, il bello deve essere anche utile.

do-davide-oldani-cipolla-caramellata-milan

Anche nel nuovo ristorante Oldani continua a portare avanti la filosofia della cucina pop, fondata sulla capacità di trasformare prodotti ordinari, e spesso poveri, in piatti di alta cucina con coraggiose e inventive reinterpretazioni. Ogni piatto è una meravigliosa armonia di contrasti: dolce e salato, morbido e croccante, caldo e freddo, liquido e solido, innovatori e tradizionali.

do-davide-oldani-ristorante

L’accoglienza e il servizio sono semplicemente impeccabili: il personale è attento, gentile e sorridente e lo chef si muove tra i tavoli salutando i commensali, spiegando i piatti e ascoltando i loro commenti. Perché l’eccellenza la si raggiunge solo con il miglioramento continuo, e il confronto con il cliente è linfa vitale per chi, pur già ai vertici, vuole fare sempre meglio.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Ristorante Del Cambio

Piazza Carignano, 2 10123 Torino

“Abbiamo fatto la storia e adesso andiamo a mangiare” disse Cavour dopo aver letto il proclama di guerra contro l’Austria. E sapete dove andò? Proprio al Ristorante Del Cambio, il suo preferito, collocato sulla stessa piazza di Palazzo Carignano, sede del parlamento del Regno di Sardegna prima e poi parlamento dell’Italia Unita. La storia di questo ristorante, nato [...]

Alla lettera

Via Giuseppe Mazzini, 12 10123 Torino

Un luogo a tema che offre cucina semplice e di qualità. Alla lettera si ispira alla tradizione partenopea per spaziare un po’ lungo tutta la penisola senza però mai perdere di vista la propria identità. Bello e buono non è mai stato così calzante come in questo ristorante pizzeria. Alla lettera perché il concept di questo spazio nasce proprio [...]

Eccellenze Campane

Via Cusani 1, 20121 Milano

Un ristorante-bottega che racconta la Campania senza troppi virtuosismi, proponendo piatti semplici che strizzano l’occhio alle specialità della tradizione, ma senza dimenticare la contemporaneità: Eccellenze Campane, in via Cusani 1 (angolo via Broletto) è uno spazio di 800 mq totalmente dedicato alla cucina partenopea. Il gruppo, già presente a Napoli – of course – Roma e Londra, mira [...]

Gastronomia Yamamoto

Via Amedei 5, 20123 Milano

La prima volta sono entrata casualmente, credendo fosse il il vecchio bar di sempre. Sulla porta invece, una nuova vetrofania in bianco recitava una diversa proprietà. Gastronomia Yamamoto è un locale di recente apertura in zona Missori, firmato dall’omonima famiglia Yamamoto; la regina qui è Aya, che ha deciso di portare a Milano soltanto piatti autentici della [...]

Cibreo

Via Andrea del Verrocchio, 8R 50122 Firenze

Una danza fra piatti della migliore tradizione toscana in stile verace ma al contempo ricercato. Una battuta, due chiacchiere, pietanze succulente e qualche bicchiere di vino: il Cibreo è un’istituzione intramontabile che allieta i fiorentini dal 1979. Tutto grazie alla maestria e all’amore per la propria terra di Fabio Picchi, il sovrano di questo tempio del buongustaio. Dire [...]