To Top
Fuori Porta

Osteria dell’Arco

Semplicità, tradizione e accoglienza nel cuore di Alba

Ci sono luoghi in cui dove vai, vai, cadi sempre bene. Le langhe in questo senso sono una certezza ma per essere sicuri di cadere in piedi e sempre al top, ecco il posto che non potrete mancare: l’Osteria dell’Arco nel centro di Alba. Se fosse a Milano e non a un’ora e mezza di strada, sarei sempre lì a fare il pieno di bontà (e comunque, ovunque voi viviate, venire a mangiare qui è necessario almeno una volta all’anno). Semplicemente irrinunciabile.

Presidio slow food certificato, manderà le vostre papille gustative in estasi… davvero non ha nulla in meno di un ristorante stellato! Il menù varia a seconda della stagione e della disponibilità dei fornitori quasi tutti a km zero. Iniziamo con ordine, anche se è difficile mantenere un ordine rigoroso alla bontà! Qui un antipasto diventa un secondo in un battito di ciglia e il menù degustazione è disponibile anche per singola persona (senza che debba ordinarlo l’intero tavolo). Semplicità, tradizione e accoglienza a completare l’esperienza.

Osteria dell'Arco - Alba

Tajarin 40 tuorli e tartufo bianco

I richiestissimi Tajarin 40 tuorli al burro d’Alpeggio con formaggio grattugiato (fresco e buono come quasi mai capita) sono semplicemente divini. Elementare fare un piatto così buono? Può essere… Ma assaggiatelo prima e replicatelo, poi potrete commentare. Raviolini del plin rigorosamente fatti in casa. La tartare di Fassona saporita, buona, pulita e accompagnata a una insalata russa che boh, “l’originale è davvero così buona?”. La cipolla dorata, cotta al sale rosso e gratinata al Raschera e tartufo nero… non ve la commento neppure, immaginatela.

Osteria dell'Arco - Alba

Tartare di Fassona e tartufo bianco

Il Vitello tonnato (ah era un antipasto), il prosciutto di maiale cotto da loro con focaccia e insalata russa, la guancia di vitello stracotta al vino rosso, la tagliata di Fassona o il coniglio arrosto valgono davvero la pena di scegliere il secondo anche se lo spazio nello stomaco è sempre di meno… un goccino di nebbiolo o barolo e il posto si trova.

Il dolce, si sa, non è obbligatorio, ma gli chef più sgamati sanno che è il loro messaggio di arrivederci con i clienti. Quindi non si può sbagliare, bisogna mantenere il livello delle portate. Ne ho visti passare di diversi, lo chef nota la mia curiosità (serve anche ai tavoli se c’è bisogno) e mi dice “questo è il mio tiramisù, non lo perda”. Non gli lascio il tempo di aggiungere altro che l’ho già ordinato al cameriere. Di fianco a me il mio commensale si lascia tentare dal cremino al gianduia, cioccolato e lamponi… una vera estasi. Io ve lo dico: obbligatorio andarci almeno una volta all’anno, prenotando in anticipo, ça va sans dire!

Photo credit: Joie de vivre by @g4gary

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba 2020

È un gioiello ma non è d’oro. Ha un profumo inconfondibile, così travolgente da farsi riconoscere anche a metri di distanza, ma sempre diverso. O piace o non piace, o è bianco o è nero. Non ci sono mezze misure. Più grande è e più aumenta il suo valore, più che proporzionale rispetto alla dimensione. È [...]

Camera Con Vista

Via Santo Stefano, 14/2a 40125 Bologna

Incastonata all’interno della storica cornice di Palazzo Isolani, con affaccio su Piazza Santo Stefano, questa ricercata insegna trae l’ispirazione del suo nome dall’omonimo libro di Edward Morgan Forster e dalla pellicola di James Ivory. Un luogo dedicata ai piaceri del “buon cibo” e del “buon bere” che nel 2017 si trasforma in un bistrot e cocktail [...]

I Conoscenti

Via Manzoni, 6 40122 Bologna

All’interno dell’antico palazzo del ‘300, abitato un tempo dalla famiglia Conoscenti, nasce I Conoscenti: un locale sfaccettato dalle diverse anime, declinato in cocktail bar, ristorante - al piano terra - e perfino in un elegante locanda al piano superiore. Un ambiente sofisticato e accogliente, capace di sorprendere per la cura nei dettagli e un’offerta gastronomica raffinata, [...]

Sette Tavoli

Via Cartoleria, 15/2 40124 Bologna

Di fronte al Teatro Duse, al civico 15/2 di via Cartoleria, apre le porte alla città Sette Tavoli, un’insegna sospesa nel tempo, luogo d’incontro tra cultura e cucina. Come si evince dal nome, qui ci sono solo sette tavoli, ognuno dei quali ispirato a un artista, poeta o scrittore amante dei piaceri della tavola e soprattutto [...]

Miramonti l’Altro: la Fuga Culinaria al Confine con la Franciacorta

Via Crosette, 34 25062 Concesio

Situato in un quartiere residenziale di Concesio, piccolo comune in provincia di Brescia, il ristorante Miramonti l’Altro ha l’aspetto di un’elegante villa con giardino. Il verde fa da contrasto con il bianco delle pareti e cattura subito lo sguardo, riposandolo. Varcata la soglia, tutt’intorno è uno spettacolo di impeccabile ordine e armonia, come se la [...]