To Top
Stellati

Tano passami l’olio

Un’esperienza unica in un locale retrò dove tutto è curato fino al minimo particolare

La mia storia con Tano passami l’olio è fatta di lunghe occhiate (del sito internet), sospiri a furia di “come mi piacerebbe andare” e mancate prenotazioni dovute alla costante fretta che perseguita la mia vita… aggiungeteci che non è mai aperto a pranzo ed ecco i motivi che mi hanno costretto a rimandare così a lungo.

Ma stasera sono qui. Io e il mio compagno di vita, da Tano, una stella Michelin. In realtà non sapevo se avrei avuto la fortuna di incontrarlo o meno, ci speravo solo viste le molte occasioni in cui ho letto e sentito parlare di lui. Il locale è a dir poco particolare: direi anni80/’90, completamente retrò, con grandi quadri storici appesi alle pareti come la Gioconda, per citarne solo uno, ma con delle piccole modifiche… hanno tutti in mano una bottiglia di olio con sopra scritto TANO! Il grande chef comunica sé stesso in modo scanzonato. Su ogni tavolo perline di vetro colorate e trasparenti, impossibile non giocarci, impossibile non iniziare già a rilassarsi!

Tano Passami l'Olio

Si incomincia con un assaggio di pane e olio di diversi tipi (rigorosamente extra vergine di oliva), per capire quale, tra quelli proposti, si accompagna meglio al proprio palato e alle pietanze nel piatto. E poi… una serata davvero impeccabile. Il menù degustazione ottimo, materie prime ricercate e gustose e poi lui, a fare la differenza con la sua presenza, dapprima in punta di piedi e poi sempre più scenica e partecipativa: mi raddrizzava il piatto sul tavolo e mi diceva dove peccava la mise en place della mia portata (secondo lui ovviamente, visto che per me la dadolata di verdure crude, gamberi e tartare era perfetta quando lui la vedeva non esattamente concentrica!).

Ci ha svelato dettagli di prove infinite (quel tiramisù di seppia cruda, con besciamella e verdure, mica nasce così all’improvviso! E i paccheri ripieni di formaggio di alpeggio con velluta di basilico e pomodoro candito?), stupefacente scoprire che quel filetto di vitello su letto di formaggio e tartufo è stato cotto per 36 ore a 65 gradi (aveva provato a 66 gradi ma il colore era diventato troppo grigio, così invece era rosato e perfetto).

Tano Passami l'Olio

La cura dei dettagli e la presentazione sono fondamentali per far gustare le sue creazioni con gli occhi, prima che con il palato. Una cura che si evince nel risultato finale, raggiunto con l’amore che ci pone. Il dolce? Cioccolato nero/bianco e lampone in tutte le consistenze possibili: uno spettacolo. Tano (vero nome Gaetano) che parla in milanese e che mi fa il baciamano dicendo che sono la sosia di Irene Grandi non lo dimenticherò facilmente! Sooo flawless!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Ristorante Del Cambio

Piazza Carignano, 2 10123 Torino

“Abbiamo fatto la storia e adesso andiamo a mangiare” disse Cavour dopo aver letto il proclama di guerra contro l’Austria. E sapete dove andò? Proprio al Ristorante Del Cambio, il suo preferito, collocato sulla stessa piazza di Palazzo Carignano, sede del parlamento del Regno di Sardegna prima e poi parlamento dell’Italia Unita. La storia di questo ristorante, nato [...]

I Portici

Via dell'Indipendenza, 69 40121 Bologna

Bologna è terra di tradizioni e osterie. Per anni - e in parte ancora oggi - si è preferito valorizzare i sapori di una volta e gli odori che uscivano dalle cucine delle nostre nonne, in un imprinting gastronomico che, spesso per scelta, fugge dai piatti più gourmet e ricercati. Un vuoto che, dal 2008, è stato ben colmato [...]

MAG Cafè

Ripa di Porta Ticinese, 43 20143 Milano

Questa volta è il caso di andare dritto al sodo. Il MAG Cafè (stesso gruppo del Backdoor43, 1930 Speakeasy, Barba e Iter) è uno di quei posti che vanno sussurrati, perché è intimo. Se lo conosci, lo conosci. E ci vai, ci torni, lo frequenti. Nonostante non sia più uno studente o magari nemmeno un impiegato alle prime armi. Negli [...]

BackDoor43

Ripa di Porta Ticinese 43, 20143 Milano

I ragazzi del MAG se ne sono inventati un'altra: il Take Away. Ripa di Porta Ticinese 43: piccolo, piccolissimo, il più piccolo del mondo. Ma allo stesso tempo grande. Con il suo concetto di Drink-Away il BackDoor43 (stesso gruppo del Mag Cafè, 1930 Speakeasy e del Barba) ha fatto del naviglio un enorme bar a cielo aperto. Sottrarsi alle costrizioni [...]

Rita’s TIKI ROOM

Ripa di Porta Ticinese 69, 20143 Milano

E’ stato Ernest Raymond Beaumont Gant ad aprire il primo tiki bar tra le pieghe degli anni ‘30, sotto il sole di Los Angeles e di un’America disillusa che si lasciava alle spalle il Proibizionismo. Don The Beachcomber (così si faceva chiamare), ha per primo condito la sua proposta di ristorazione con l’esotismo raccolto nei lunghi [...]