To Top
Trattorie

Taverna al Remer

Uno scorcio magico su Venezia, accompagnato da gustosi cicchetti

Se pensate che nel centro di Venezia non si possa mangiare bene, dovete ricredervi. Taverna al Remer è un bacaro a pochi passi dal Canal Grande, al civico 5701 del Sestriere Cannaregio. Nella cornice magica del Campiello Remer, una piazzetta in cui nel passato si fabbricavano i remi delle famose gondole, questo ristorante è una garanzia di qualità e suggestione.

Taverna al Remer

Il locale sembra sospeso nel tempo, a partire dalle bifore gotiche della facciata. L’interno è anche più suggestivo. Sembra di ritrovarsi catapultati in una taverna medievale, con i muri in mattoni, le travi a vista e, come pezzi d’arredamento, arnesi di artigianato delle epoche passate. La Taverna al Remer è stata ristrutturata utilizzando materiali di recupero e antiquariato, per non intaccarne l’anima genuina. Non mancano però elementi moderni, come le note jazz che spesso si possono ascoltare anche grazie a concerti suonati dal vivo. In un angolo del locale fa sfoggio di sé un pianoforte a coda, per trasformare ogni serata in un momento di grande allegria.

Taverna al Remer

Rinomata per l’aperitivo in puro stile veneziano, Taverna al Remer è indicata per brindare con un’ombra di vino, accompagnata – come d’obbligo – dagli immancabili cicchetti. I piatti sono semplici e seguono i dettami della cucina veneta, ma non mancano proposte originali e rielaborate, soprattutto per quanto riguarda il menu della cena. Un esempio è il Risotto al branzino, scarola e mandarino. Dopo aver goduto della meraviglia di arredi interni, è consigliato portare il proprio calice all’esterno, verso il pontiletto in legno sospeso sopra il Canal Grande. Da qui potrete ammirare lo splendido skyline di Venezia, che comprende anche una vista privilegiata sul Ponte di Rialto.

Taverna al Remer

Sospesa tra antichità e spirito innovativo, Taverna al Remer è una meta immancabile e romantica durante le vostre passeggiate per la città. Una delizia per il gusto, ma anche per la vista che saprà stupirvi con la sua semplicità e originalità.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di venezia e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Daniele Giovani Milano

Corso Genova, 13 20123 Milano

Non solo una boutique multibrand del lusso, ma un autentico laboratorio creativo del Made in Italy. Daniele Giovani Milano è un salotto della moda che conquista i suoi clienti con una selezione di accessori all’insegna dell’artigianalità del prodotto, includendo marchi storici e brand emergenti, e portando l’innovazione nel concetto storico di boutique grazie a un [...]

Il Mosto Selvatico

Via Cesare da Sesto, 13 20123 Milano

Al civico 13 di Via Cesare da Sesto, non lontano dai Navigli, Il Mosto Selvatico è una garanzia per gustare ottime specialità di mare a Milano. Questo ristorante, nato come trattoria negli anni ‘60, offre atmosfere romantiche e sapori ricercati in un luogo in cui la cura dell’ospite si unisce all’amore per la cucina del [...]

Alla scoperta dei “Vinaini”: le migliori norcinerie con mescita di Firenze

I Vinaini sono piccoli locali toscani in cui è possibile mangiare un boccone farcito con i migliori prodotti locali e bere un bel calice di vino, possibilmente rosso e di mescita. A Firenze sono davvero famosi, così tanto che alcuni di loro hanno fatto strada e oggi hanno aperto delle sedi in metropoli come Londra [...]

Dove Organizzare una Grigliata a Milano

Milano: l’inizio della bella stagione, l’arrivo del caldo e il desiderio di organizzare un barbecue circondati dalla natura. Se anche voi siete alla ricerca di un posto dove poter organizzare una grigliata senza allontanarvi dalla città, Flawless arriva in vostro aiuto. La scelta è varia: parchi attrezzati, oasi in riva al lago e cascine agricole [...]

Loste Café

Via Francesco Guicciardini, 3 20129 Milano

Loste: dalla fusione delle iniziali dei fondatori, Lorenzo e Stefano. Una collaborazione nata nel pluristellato Noma di Copenaghen, uno dei ristoranti più d’avanguardia al mondo, dove Stefano è stato per molti anni capo pasticciere, Lorenzo sommelier. Hanno poi deciso di rientrare in patria e dare voce al loro racconto di caffè e dolci dall’ispirazione completamente [...]