To Top
Eventi passati

DMK Daniela Mola

L’ultimo baluardo della Brera che c’era una volta

C’era una volta DMK Daniela Mola, un negozietto che vendeva di tutto in una piccola stradina nel cuore di Milano. C’era una volta la libreria Brera, proprio di fronte a quel negozietto, dove potevi passare ore a fantasticare sui titoli più vari tra l’odore dei libri e poi c’era il bar di quartiere con i tavolini all’aperto dove tutti si chiamavano per nome, il Resentin, ancor prima Caffè Gabriele. A pochi passi, appena dietro l’angolo, nella splendida cornice di Piazza del Carmine c’era la Trattoria del Carmine, che rallegrava le serate più calde con i suoi piatti autentici tutti italiani, accogliendo gli ospiti nello splendido dehors circondato da piante rigogliose.

Poi gli affitti si alzano e in un attimo sparisce un magico frammento della nostra Italia, che al tempo aveva resistito ma non alla pressione delle grandi catene e dei brand, che di quegli affitti irrazionali non accusano il colpo.

Così anche Daniela Mola, ultimo baluardo di una Brera che c’era, tra un mese chiuderà i battenti prima di trasferirsi nella nuova location in zona Isola, che non vediamo l’ora di scoprire. Stretta di mano decisa, piglio sicuro, sportiva dalla nascita e milanese fino al midollo, Daniela riesce a realizzare il suo sogno grazie all’incontro con il designer architetto Ingo Knuth, che diventerà suo marito, con il quale fonda la DMK, società che produce e progetta oggetti di design in legno, così speciali che vengono inseriti nei migliori negozi del mondo e nei musei più importanti, come il MOMA di New York. Il negozio DMK Daniela Mola diventa il contenitore di queste raffinate e affascinanti creazioni e della ricerca che la proprietaria continua a portare avanti a tutto campo, durante le sue avventure.

Oggi purtroppo Ingo Knuth non c’è più ma di quegli oggetti fantastici è rimasto ancora qualcosa nel mondo di Daniela, fatto di colori, animali, ninnoli e oggettistica più varia. Entrare nel suo negozio vuol dire prendersi del tempo per guardarsi intorno e osservare con attenzione la miriade di prodotti che affollano gli scaffali, tutti con un loro carattere, un motivo di esistere l’uno accanto all’altro, un’identità. Entrare nel negozio di Daniela conoscendola vuol dire guardare quegli stessi oggetti con un entusiasmo maggiore, come se fossero la chiave di lettura di una personalità eclettica che di istruzioni segue sempre e solo le stesse: le sue.

Poi c’è l’amore per la natura e per gli animali, fil rouge che guida l’intero concept del negozio. Potreste innamorarvi di quella bellissima statuetta di Brabantino che sembra così vera che fate un passo per avvicinarvi per poi accorgervi che è Nina, fedele compagna di Daniela, che no, non si può comprare. Ma tutto il resto, cani, gatti, uccellini e fauna varia declinata in mille varianti, dai piatti ai cuscini sì, quello potete portarlo via. E sarà qualcosa di durevole, che resiste al tempo con la stessa tenacia di chi quell’oggetto tra mille l’ha scelto, in un teatro di curiosità più unico che raro.

Ma le buone notizie ci sono. Daniela riaprirà presto, come vi ho anticipato, quindi il suo estro potremo gustarcelo ancora in quelle giornate in cui un acquisto salva l’umore. E poi la seconda: avete un mese e mezzo di tempo per portarvi a casa uno di questi pezzi unici a metà prezzo, con la certezza di avere qualcosa che resisterà al tempo. Come quella volta, quattro anni fa, in cui ho comprato una ghirlanda natalizia in legno, realizzata a mano, per adornarne la porta della casa nuova, finalmente mia, che meritava quella coccola in più. Ogni anno so che è Natale quando la tiro fuori dalla scatola in cui la conservo con cura, con lo stesso amore con cui la appendo e con cui la guardo ogni sera, per quel breve periodo, quando torno da lavoro. Una piccola cosa che rende casa davvero casa. La tua.

Ti potrebbero interessare anche...

Codognato

San Marco, 1295 30124 Venezia

Attilio Codognato – classe 1938 – è un nome emblematico nel panorama della gioielleria italiana grazie ad un singolo store nel centro di Venezia che ancora oggi, dopo più di 150 anni dalla sua apertura, rimane un punto di riferimento dell’oreficeria di lusso. Situato a pochi passi da piazza San Marco, al civico 1295, la [...]

Martinica

Via Antonio Bertola, 29/A 10122 Torino

Entrando in certi luoghi si può immediatamente cogliere l’anima di una persona, la personalità della mente creativa che vi sta dietro. È il caso di Martinica, boutique innovativa e di classe nel centro di Torino che prende il nome dalla sua frizzante e raffinata proprietaria, Martina, la quale ha saputo imprimere nel proprio negozio tutta [...]

Dodidì Vintage

Via Andrea Costa, 119/C 40134 Bologna

Le mode, si sa, “fanno giri immensi e poi ritornano”, per usare le parole di Venditti. Questo non significa riacquistare un look in voga ogni volta che un modello di scarpe o un taglio di pantaloni riguadagna tendenza. Fortunatamente, a Bologna il paradiso del second-hand è Dodidì Vintage, al civico 119/C di via Andrea Costa, [...]

Freak Andò

Via delle Moline, 14/c 40126 Bologna

Maurizio Marzadori è il nome da tenere a mente nel panorama dell’antiquariato bolognese. Insegnante e collezionista d’arte, nel 1987 fonda Freak Andò, un’insegna dove coniuga la sua passione per l’arte e il design, proponendo pezzi unici sia italiani che internazionali. Due sono le insegne Freak Andò presenti a Bologna: la Galleria al civico 14/c di [...]

Sartoria Vanni

via dei Fossi 51/r 50123 Firenze

Firenze è una delle capitali mondiali della sartoria italiana, in particolare per quanto riguarda la moda uomo. Un’insegna particolarmente apprezzata anche a livello internazionale è quella di Sartoria Vanni, attiva sul suolo fiorentino dal 1818, quando nacque come piccolo laboratorio all’interno del centro storico. Situata in via dei Fossi 51/r, negli anni l’insegna si è [...]