To Top
Stellati

I Portici

Chef Petrosino incanta con il made in Italy in una location ottocentesca da una stella Michelin

Bologna è terra di tradizioni e osterie. Per anni – e in parte ancora oggi – si è preferito valorizzare i sapori di una volta e gli odori che uscivano dalle cucine delle nostre nonne, in un imprinting gastronomico che, spesso per scelta, fugge dai piatti più gourmet e ricercati. Un vuoto che, dal 2008, è stato ben colmato da I Portici, unica stella Michelin della città. 

Il ristorante è ricavato nell’omonimo hotel all’interno di Palazzo Maccaferri, edificio in stile Liberty di fine Ottocento. I magnifici spazi affrescati dell’ex Teatro Eden Kursaal ospitano oggi la grande sala da pranzo: una location capace di farvi respirare l’atmosfera dei café-chantant degli anni ruggenti della Belle Epoque. Ancora più ricca di storia è la Ghiacciaia medievale che conservava le derrate alimentari di Rocca di Galliera, la sede del governo pontificio. Dopo aver attraversato sette secoli (e un’operazione di restauro), le volte in pietra e il pavimento trasparente, con vista sulla cantina del ristorante, offrono un’esperienza di degustazione “stellata” unica nel suo genere. L’offerta comprende anche la Pizzeria Portici, per chi preferisce una cucina più informale sopra una romantica terrazza, e Bottega dei Portici, un take-away che affascina con la lavorazione a vista dei tortellini. 

Il menu è affidato a Emanuele Petrosino, 33 anni, premiato nel 2019 come giovane chef dell’anno dalla Guida Michelin. La sua cucina è un divino omaggio al made in Italy senza lasciarsi limitare, però, dall’idea del km 0 che vieterebbe eccellenze quali la Fassona, la mozzarella di bufala Dop e il pesce del Mediterraneo: non metterli a tavola sarebbe davvero un delitto. Naturalmente, è ben presente anche il territorio, fin dal nome del menu, “Vagando per l’Emilia”, che si articola in tre diversi percorsi degustazione. “Nel Blu…” ci fa vivere i sapori e i profumi del mare, con triglia alla puttanesca, raviolini del plin ai crostacei e brodetto romagnolo e baccalà, zucche e tartufo. “Terra nostra: l’Italia” racconta un viaggio in cui i piatti della tradizione vengono reinterpretati in una tavolozza di gusti ricercati e moderni: pollo e patate, spaghettone ai pomodori e coniglio alla cacciatora. Conclude la selezione il percorso “Vegetariano” che sprigiona tutti i colori della terra, dall’uovo Fabergé al tortello di parmigiano 36 mesi con fagioli, scarola e peperoni “cruschi”, ossia croccanti perché essiccati e fritti.

Chi ama le sorprese può affidarsi completamente alle mani di Petrosino con la proposta “Chef Emanuele, pensaci tu…” che in cinque, sei o sette portate vi farà vivere un’esperienza sensoriale senza precedenti. Se, invece, volete muovervi liberamente fra le diverse portate, il menu à la carte è quello che fa per voi: troverete piatti “inediti” come la tartare di Marchigiana o il dentice arrosto. L’ampia carta dei vini, conservati nella Ghiacciaia dal sommelier Consuelo Giovetti, spazia fra l’Italia e la Francia, con qualche piccola suggestione di bianchi tedeschi e austriaci. 

Una location ottocentesca che si affaccia sulla via dello shopping, un ristorante che passa da sale affrescate a volte medievali e uno dei migliori chef della sua generazione: è facile capire perché la Guida Michelin abbia premiato I Portici. Una stella che brilla sulla cucina di Bologna.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di bologna e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Maré | Cucina Caffè Spiaggia Bottega

Ripa di Porta Ticinese, 67 20143 Milano

Al civico 67 di Ripa di Porta Ticinese è sbarcato Maré, insegna dal cuore romagnolo che, dal Portocanale di Cesenatico è approdato alle acque del Naviglio Grande, con l’obiettivo di portare a Milano i sapori, i profumi e i colori di una cucina genuina, fatta con amore e passione, lungo un racconto che testimonia la tradizione marinara della [...]

Il Mercato Centrale Milano

Via Sammartini, angolo piazza Quattro Novembre 20125 Milano

Firenze, Roma, Torino e Milano: finalmente anche il capoluogo meneghino può vantare la presenza del suo Mercato Centrale, un punto di incontro, contaminazione, buon mangiare e buon bere, incastonato nel lato ovest della Stazione Centrale, in Piazza IV Novembre, angolo via Sammartini. Un grande spazio su due piani in cui artigianalità, territorio, creatività e vocazione culturale dialogano sinergicamente e che, a seconda delle [...]

Jardin La Ménagère

Via Baccio Bandinelli, 98 50142 Firenze

Si propone in una veste inedita, en plein air e stellata La Ménagère di Firenze che ha aperto Jardin La Ménagère nell'elegante location Riva Lofts affacciata sulle rive del fiume Arno. Un’insegna che aveva già abituato i fiorentini ad un ambiente piacevole e curato e a una cucina degna di nota con il locale di via de’ Ginori e [...]

Gli Indirizzi a Bologna per un Goloso Fritto Misto di Pesce

È ormai un dato di fatto che qualunque cibo è più buono quando è fritto. Questo discorso vale ovviamente per il pesce che, con il fritto misto, raggiunge l’apice della golosità ed è perfetto tutto l’anno. Nonostante Bologna si trovi nell’entroterra romagnolo, anche qui si possono trovare ottimi ristoranti che propongono questa pietanza portando in [...]

Gli Indirizzi a Roma per un Goloso Fritto Misto di Pesce

La frittura di pesce è il piatto che non può assolutamente mancare per un pasto veloce, un aperitivo o una cena. Il fritto misto è uno sfizio croccante, dorato e saporito che racchiude i sapori più autentici del mare. Al naturale o condito con in il limone, questo piatto soddisfa i palati esaltando tutto il [...]