To Top
Stellati

I Portici

Chef Petrosino incanta con il made in Italy in una location ottocentesca da una stella Michelin

Bologna è terra di tradizioni e osterie. Per anni – e in parte ancora oggi – si è preferito valorizzare i sapori di una volta e gli odori che uscivano dalle cucine delle nostre nonne, in un imprinting gastronomico che, spesso per scelta, fugge dai piatti più gourmet e ricercati. Un vuoto che, dal 2008, è stato ben colmato da I Portici, unica stella Michelin della città. 

Il ristorante è ricavato nell’omonimo hotel all’interno di Palazzo Maccaferri, edificio in stile Liberty di fine Ottocento. I magnifici spazi affrescati dell’ex Teatro Eden Kursaal ospitano oggi la grande sala da pranzo: una location capace di farvi respirare l’atmosfera dei café-chantant degli anni ruggenti della Belle Epoque. Ancora più ricca di storia è la Ghiacciaia medievale che conservava le derrate alimentari di Rocca di Galliera, la sede del governo pontificio. Dopo aver attraversato sette secoli (e un’operazione di restauro), le volte in pietra e il pavimento trasparente, con vista sulla cantina del ristorante, offrono un’esperienza di degustazione “stellata” unica nel suo genere. L’offerta comprende anche la Pizzeria Portici, per chi preferisce una cucina più informale sopra una romantica terrazza, e Bottega dei Portici, un take-away che affascina con la lavorazione a vista dei tortellini. 

Il menu è affidato a Emanuele Petrosino, 33 anni, premiato nel 2019 come giovane chef dell’anno dalla Guida Michelin. La sua cucina è un divino omaggio al made in Italy senza lasciarsi limitare, però, dall’idea del km 0 che vieterebbe eccellenze quali la Fassona, la mozzarella di bufala Dop e il pesce del Mediterraneo: non metterli a tavola sarebbe davvero un delitto. Naturalmente, è ben presente anche il territorio, fin dal nome del menu, “Vagando per l’Emilia”, che si articola in tre diversi percorsi degustazione. “Nel Blu…” ci fa vivere i sapori e i profumi del mare, con triglia alla puttanesca, raviolini del plin ai crostacei e brodetto romagnolo e baccalà, zucche e tartufo. “Terra nostra: l’Italia” racconta un viaggio in cui i piatti della tradizione vengono reinterpretati in una tavolozza di gusti ricercati e moderni: pollo e patate, spaghettone ai pomodori e coniglio alla cacciatora. Conclude la selezione il percorso “Vegetariano” che sprigiona tutti i colori della terra, dall’uovo Fabergé al tortello di parmigiano 36 mesi con fagioli, scarola e peperoni “cruschi”, ossia croccanti perché essiccati e fritti.

Chi ama le sorprese può affidarsi completamente alle mani di Petrosino con la proposta “Chef Emanuele, pensaci tu…” che in cinque, sei o sette portate vi farà vivere un’esperienza sensoriale senza precedenti. Se, invece, volete muovervi liberamente fra le diverse portate, il menu à la carte è quello che fa per voi: troverete piatti “inediti” come la tartare di Marchigiana o il dentice arrosto. L’ampia carta dei vini, conservati nella Ghiacciaia dal sommelier Consuelo Giovetti, spazia fra l’Italia e la Francia, con qualche piccola suggestione di bianchi tedeschi e austriaci. 

Una location ottocentesca che si affaccia sulla via dello shopping, un ristorante che passa da sale affrescate a volte medievali e uno dei migliori chef della sua generazione: è facile capire perché la Guida Michelin abbia premiato I Portici. Una stella che brilla sulla cucina di Bologna.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di bologna e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

La cucina contemporanea di Andrea Aprea conquista Porta Venezia

Nel cuore di Porta Venezia, all’ultimo piano della Fondazione Luigi Rovati in Corso Venezia 52, apre i battenti il raffinato Ristorante Andrea Aprea: un luogo in cui gusto, memoria e tempo si incontrano. All’interno di un magnifico edificio storico che ospiterà il Museo d’Arte della Fondazione, la proposta gastronomica dello chef Andrea Aprea prende vita [...]

MOR: la cucina Middle-Terranean sul Lago di Como

Ad una sola ora di distanza da Milano, sulle sponde del Lago di Como, MOR stupisce ogni avventore attraverso un concept inedito ed esclusivo: un beach club con ristorazione di alto livello, che propone pietanze gastronomiche da assaporare ammirando il panorama mozzafiato su Bellagio e Tremezzo: Un autentico punto di ritrovo per chi desidera trascorrere [...]

La Bottega di Franco

Via Agucchi, 112 40131 Bologna

Tradizione, eleganza e internazionalità. Tre concetti che, applicati alla cucina, tratteggiano perfettamente la Bottega di Franco. A pochi chilometri dal centro di Bologna, in via Agucchi, il ristorante si trova fuori dalle ‘tratte’ turistiche principali, ma – ve lo garantiamo – vale il breve viaggio. Tutto nella Bottega di Franco concorre infatti a creare un’atmosfera [...]

Marcianino L’Osteria

Sestiere Cannaregio, 2690/A 30121 Venezia

Al civico 2690/A del Sestiere Cannaregio, incastonato nella zona delle Fondamenta Ormesini e immerso nel fascino della Venezia più autentica, troviamo Marcianino L’Osteria, locale imperdibile che fa innamorare i suoi avventori con una proposta di alta qualità e un’atmosfera rilassata e conviviale. Il dehors antistante l’insegna si propone come luogo ideale per una pausa pranzo [...]

I Ristoranti da provare durante la Design Week 2022

Durante la Milano Design Week la città si trasforma attraverso un calendario ricco di esposizioni, presentazioni e incontri che conquistano la città dal 6 al 12 giugno 2022. Un appuntamento imperdibile in cui, nel corso del Fuorisalone, installazioni, opere e mostre rendono omaggio all’affascinante panorama internazionale del design. Per il vostro tour di esposizioni e [...]