To Top
Cocktail Bar

Rasputin

Un sotterraneo segreto dall’altra parte dell’Arno

È già da un po’ di tempo che la zona intorno a Santo Spirito ha conosciuto una nuova vita. Non è troppo difficile capire il perché: anzitutto la basilica del Brunelleschi è un fondale perfetto per delle serate all’insegna del bere, e poi perché sia sulla piazza che nelle molte viuzze adiacenti si nascondono infiniti cocktail bar e piccoli caffè che promettono altrettanto infinite, divertenti serate. Ma è di un posto particolare che vogliamo parlare qui, un posto a due passi dalla piazza, nascostissimo e unico nel suo genere: il Rasputin.

Rasputin - Firenze

Il Rasputin è, senza troppi giri di parole, un bar segreto, il primo nel suo genere a Firenze, un luogo misterioso, dall’estetica sospesa fra lo speakeasy anni ‘20 e un salone per sedute spiritiche. Ce ne sono solo altri due in Italia: il 1930 a Milano e il Jerry Thomas a Roma. Non esiste una porta vera e propria ma soltanto, in una rientranza del muro, una serie di croci e icone dall’aria sinistra appese alla parete e poi, all’altezza della vostra mano, un campanello d’ottone. Lo suonate, si sentono dei passi, uno spioncino si apre. Dallo spiraglio, due occhi ci osservano.

Rasputin - Firenze

La porta nascosta si spalanca su una scalinata che scende verso il basso. Gradini, pareti, soffitti, tutto di un rosso scarlatto, interrotto solo dal nero e dal bianco delle antiche stampe incorniciate d’oro sui muri. In fondo alla scala, superato il drappo di velluto, non sarete sicuri di sapere dove vi trovate, se nel covo di Al Capone o nella Loggia Nera di Twin Peaks. Arredi d’epoca originali, teschi animali, fiamme di candele dense come olio, ombre, un vecchio pianoforte scuro, una musica retrò che pare giungere da un grammofono lontano decenni…

Rasputin - Firenze

Vi sedete e ordinate un drink. Tre cose della cocktail list vi sorprenderanno: l’amore per il whisky, le ricette allo stesso tempo elaborate e semplici, basate su spiriti di grande qualità con pochi, essenziali, sapienti tocchi aromatici e, infine, la reinterpretazione dei grandi classici della mixology in chiave storica che l’head bartender Daniele Cancellara affianca alla ricerca delle migliori materie prime. Pensate che la sola bottigliera offre oltre trecento etichette, di cui più di un terzo è costituito da una curatissima selezione di whisky. Non mancano nemmeno le migliori bollicine, sia italiane che francesi.

Rasputin - Firenze

La cura per il dettaglio si estende al massimo per offrire a ogni ospite un’esperienza oltre ogni aspettativa. Ogni membro del personale è preparatissimo non solo sulla composizione dei cocktail ma anche sul concept che sta dietro ogni drink, dietro ogni bottiglia. La rotazione giornaliera dello staff tra il banco e la sala vi fa confrontare a tu per tu proprio con coloro che i drink li preparano e li conoscono e persino il barware e la lavorazione del ghiaccio non sono lasciati al caso. Il Rasputin non vuole solo farvi stare bene: vuole imprimersi nella vostra mente.

Rasputin - Firenze

Questa storia, la sofisticata drink list e il mood del bar sono tutti tasselli che vanno a formare una personalità, un’identità definita e, infine, una vision ben chiara che ha guidato con mano sicura le menti a lavoro dietro il bancone. Il risultato? Un’esperienza unica in tutta Firenze, un’atmosfera che non può essere imitata. Ed è proprio per preservare quest’atmosfera che sarete invitati a mettere da parte i vostri social (fa male, lo sappiamo) e godervi semplicemente l’immersione in questa realtà, priva di filtri Instagram e senza piogge di like.

Rasputin - Firenze

Quando risalirete le scale, oltrepasserete di nuovo la porta e, guardandovi intorno, vedrete le vie di Santo Spirito, silenziose, circondarvi come niente fosse cambiato. Dubiterete per un momento (specialmente dopo due o tre drink) se avete solo sognato quel bar la cui porta si richiude di nuovo dietro di voi o se siete stati davvero in quel sotterraneo rosso, pieno di ombre e di vecchia musica, serviti da camerieri in camicia bianca alla luce delle candele. Continuerete a dubitare tornando a casa e, infine, tornerete alla stessa porta decorata di antiche croci ed icone, davanti allo stesso campanello d’ottone e suonerete ancora. Chissà questa volta chi verrà ad aprirvi.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di firenze e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Alla scoperta dei “Vinaini”: le migliori norcinerie con mescita di Firenze

I Vinaini sono piccoli locali toscani in cui è possibile mangiare un boccone farcito con i migliori prodotti locali e bere un bel calice di vino, possibilmente rosso e di mescita. A Firenze sono davvero famosi, così tanto che alcuni di loro hanno fatto strada e oggi hanno aperto delle sedi in metropoli come Londra [...]

Le Colombe di Pasqua Artigianali da Acquistare a Firenze

La festa di Pasqua è certamente, insieme al Natale, la più attesa. Dato il weekend lungo sempre assicurato è una perfetta occasione per godersi qualche giorno fuori porta durante la bella stagione ma soprattutto godersi un pranzo in famiglia e/o con gli amici. Come concludere il pranzo di Pasqua o rendere più dolce la gita [...]

Le Uova di Pasqua Artigianali da Acquistare a Firenze

Con la primavera alle porte e il primo tepore che avvolge Firenze, è già tempo di Pasqua; e come resistere alle uova di cioccolato che arricchiscono l’offerta delle insegne in città, dedicate all’antica arte del gusto? Al latte, fondenti, nocciolate...sculture da assaporare con tutti i sensi, capaci di conquistare il cuore (e il palato) di grandi [...]

Bamboo

Str. Maggiore, 23/C 40125 Bologna

La sensazione di trovarsi in una giungla, con un buon drink in mano, ma restando nel pieno centro di Bologna. In una parola sola? Bamboo, il cocktail bar e bistrot diventato il quartier generale di Kong, ovvero il party itinerante – con il volto di un gorillone – che da qualche anno punta sulla riscoperta [...]

The Doping Bar

Piazza XXIV Maggio, 8 20123 Milano

Milano non manca certo di posti innovativi, originali, dove evadere davvero e sentirsi trasportati in un’altra realtà per rendersi poi subito conto di non aver mai lasciato la propria città. Una sensazione speciale, ed è proprio quella che proverete una volta entrati al The Doping Bar. Il nome probabilmente vi ricorda qualcosa: in effetti il [...]