To Top
Gelaterie

Vivoli

L’autentico gelato artigianale fiorentino

In via Isole delle Stinche, a due passi dal Museo del Bargello, ogni giorno la gelateria Vivoli accoglie i suoi molti ospiti. Fiorentini e turisti vengono a frotte ad affollarsi davanti al bancone dove sono esposti, con tutti i loro colori, i gelati, le torte e i pasticcini, i semifreddi e gli affogati al caffè. C’è un motivo preciso che giustifichi tanta ressa? Uno soltanto: la qualità.

Era il lontano 1929 quando Serafino Vivoli decise di trasferirsi da Pelago a Firenze, lasciando ai fratelli la gestione della latteria di famiglia e aprendone una nel centro storico. La nuova impresa conobbe immediato successo tanto che anche il fratello di Serafino, Raffaello, si trasferì nel capoluogo toscano dando il via, nel ‘32, alla produzione di gelato.

L’attività della gelateria continuò a crescere ed espandersi, aprendo una succursale a Saltino, ma interrompendosi bruscamente a causa della famosa alluvione che colpì la città a metà degli anni ‘60. Il locale andava rinnovato e, mettendosi d’impegno, la famiglia riuscì a riaprire i battenti a sole due settimane dal disastro per trasformarsi poi, negli anni ‘70, in popolare luogo di ritrovo, e proseguendo la sua attività fino ai giorni nostri.

Oggi, il gelato di Vivoli possiede la stessa, incontaminata freschezza di tanti anni fa, tutto frutto di una grande costanza, una grande passione e, soprattutto, un forte amore che lega lo storico locale alla sua clientela internazionale, che include sia la gente del quartiere, che lo frequenta da anni, che i turisti che ne hanno letto sulle loro guide.

Un gelato genuino, insomma, rigorosamente artigianale e sempre freschissimo. Il latte è tutto italiano, la panna sempre fresca, la frutta stagionale e le uova da allevamenti a terra. Per ogni tipo di evento, poi, Vivoli può mettere a disposizione il suo pittoresco carrettino e realizzare torte personalizzate, incluse le torte nuziali. Insomma, non c’è davvero nulla che manchi a questo storico locale fiorentino!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di firenze e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Gusto 17

Via Savona, 17 20144 Milano

Se una volta gustato un cono, non resistete alla tentazione di assaporarne subito un altro, vuol dire che si tratta di un gelato davvero speciale. Da Gusto 17, questo irresistibile desiderio è all’ordine del giorno: una gelateria milanese che ad oggi vanta due golose sedi, in via Savona 17 e in via Cagnola 10. Come [...]

Pasqua A Firenze: Dove Acquistare le Uova di Cioccolato

Con la primavera alle porte e il primo tepore che avvolge Firenze, è già tempo di Pasqua; e come resistere alle uova di cioccolato che arricchiscono l’offerta delle insegne in città, dedicate all’antica arte del gusto? Al latte, fondenti, nocciolate...sculture da assaporare con tutti i sensi, capaci di conquistare il cuore (e il palato) di grandi [...]

Adelaide

Via dell'Arancio, 69 00186 Roma

Già dal nome, il ristorante Adelaide in via dell’Arancio 69, celebra la Principessa Adelaide Borghese de la Rochefoucauld che, in questo stabile, aprì la prima scuola per educare le bambine poco fortunate alle buone maniere, all’eleganza e alla grazia. E’ proprio a questi valori che si ispira l’insegna, omaggiando la rinomata accoglienza  e raffinatezza dell’ospitalità [...]

Ristorante Vista – Casina Valadier

Piazza Bucarest 00187 Roma

Il Ristorante Vista a Casina Valadier è un luogo in cui la cucina mediterranea incontra il moderno e in cui, attraverso i piatti dello Chef Massimo d'Innocenti, si raccontano le storie degli autentici sapori italiani. Immersa nella suggestiva e incantevole Villa Borghese, questa insegna si trova all’interno di una elegante casina neoclassica, gioiello del Pincio [...]

Lo Scopettaro

Lungotevere Testaccio 00153 Roma

Lo scopettaro è una delle trattorie più note e antiche della Città Eterna. Situata al civico 7 del lungotevere di Testaccio, nel cuore dell’omonimo quartiere. Si narra che, prima di essere un’osteria, questo locale fosse un laboratorio di scope di saggina e che i passanti restassero estasiati dal profumo delle pentole di pasta e fagioli [...]