To Top
Hi-Tech & Mobility

Apple Store

Un tripudio di design e socialità che fa rivivere piazza Liberty

Milano città del futuro, almeno in Italia. Dove tutto sta evolvendo a ritmo frenetico nel pieno rispetto delle sue storiche e fiere origini, diventando un punto di riferimento per chi guarda da fuori: elegante ma dinamica, viva ma raccolta. E tra i simboli che stanno rivoluzionando la bella Milano spicca la tanto attesa e desiderata apertura del nuovo Apple Store, punto di riferimento per i turisti, sicuramente, per i milanesi, certo, ma anche per tutti coloro che sognano una Milano dai contorni più internazionale.

Apple Store - Milano

Dopo i rumors iniziali e le impalcature coprenti, finalmente spicca in piazza Liberty il nuovo store della Mela che prende il posto, con fierezza e con rispetto, dello storico cinema Apollo, e che è un tripudio non solo di architettura, design e hi-tech, ma anche di socialità. Se infatti, a catturare l’attenzione di curiosi e i like su Instagram è la fontana (o il Portale, come viene chiamata) a forma di parallelepipedo alto 8 metri da cui scorrono 56 getti d’acqua, e la scalinata imponente che ricorda un anfiteatro romano, a sorprendere è l’approccio delle persone che ri-vivono la piazza, che si trasforma in un vero punto di incontro e ritrovo, dove fare una pausa e scambiare due chiacchiere tra un po’ di shopping e un caffè in centro, quasi a ricordare l’idea del fondatore Steve Jobs che aveva come scopo ultimo, in ogni suo progetto, l’arricchimento della vita delle persone. 

Apple Store - Milano

A sottolineare questo elemento fondamentale per comprendere lo store, la piazza sarà luogo di concerti e proiezioni cinematografiche, mentre l’Apple Store ospiterà periodicamente sessioni di arte e fotografia gratuite. Lo store ha un concept simile a quello di New York in 5th Avenue: un’ architettura geometrica in vetro che si sviluppa poi sottoterra. Il negozio vero e proprio, infatti, dove far man bassa di iPhone, Apple Watch, iPad, Mac e accessori, si raggiunge scendendo di un paio di piani e rispecchia e ricorda in tutto i classici store della Mela, con i tavoloni in legno, gli addetti ai lavori con le t-shirt blu e il logo bianco e le non-casse.

Apple Store - Milano

Austero nella sua grandezza fatte di fontane e scalinate, l’Apple Store piace anche ai più convinti milanesi perché rispecchia lo spirito meneghino e il contesto in cui è stato inserito: nel cuore della città, come train d’union tra corso Vittorio Emanuele e il quadrilatero, ma defilato e composto, come la Mela è solita fare. Pur essendo la struttura importante, non fa rumore ma si incastona alla perfezione nell’architettura circostante, grazie anche all’uniformità cromatica e i materiali utilizzati (la pietra Beola Grigia).

Apple Store - Milano

Il progetto, che porta la firma del britannico Norman Foster, è in realtà una celebrazione dell’italianità, con più di 200 aziende che hanno partecipato all’impresa, a sottolineare la volontà di far trionfare la bellezza tutta italiana in una piazza che è un simbolo per la città e che si appresta a tornare a essere tra i nuovi punti più visitati e sharati della nuova Milano che piace tanto, a tutti.

 

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Codognato

San Marco, 1295 30124 Venezia

Attilio Codognato – classe 1938 – è un nome emblematico nel panorama della gioielleria italiana grazie ad un singolo store nel centro di Venezia che ancora oggi, dopo più di 150 anni dalla sua apertura, rimane un punto di riferimento dell’oreficeria di lusso. Situato a pochi passi da piazza San Marco, al civico 1295, la [...]

Martinica

Via Antonio Bertola, 29/A 10122 Torino

Entrando in certi luoghi si può immediatamente cogliere l’anima di una persona, la personalità della mente creativa che vi sta dietro. È il caso di Martinica, boutique innovativa e di classe nel centro di Torino che prende il nome dalla sua frizzante e raffinata proprietaria, Martina, la quale ha saputo imprimere nel proprio negozio tutta [...]

Dodidì Vintage

Via Andrea Costa, 119/C 40134 Bologna

Le mode, si sa, “fanno giri immensi e poi ritornano”, per usare le parole di Venditti. Questo non significa riacquistare un look in voga ogni volta che un modello di scarpe o un taglio di pantaloni riguadagna tendenza. Fortunatamente, a Bologna il paradiso del second-hand è Dodidì Vintage, al civico 119/C di via Andrea Costa, [...]

Freak Andò

Via delle Moline, 14/c 40126 Bologna

Maurizio Marzadori è il nome da tenere a mente nel panorama dell’antiquariato bolognese. Insegnante e collezionista d’arte, nel 1987 fonda Freak Andò, un’insegna dove coniuga la sua passione per l’arte e il design, proponendo pezzi unici sia italiani che internazionali. Due sono le insegne Freak Andò presenti a Bologna: la Galleria al civico 14/c di [...]

Sartoria Vanni

via dei Fossi 51/r 50123 Firenze

Firenze è una delle capitali mondiali della sartoria italiana, in particolare per quanto riguarda la moda uomo. Un’insegna particolarmente apprezzata anche a livello internazionale è quella di Sartoria Vanni, attiva sul suolo fiorentino dal 1818, quando nacque come piccolo laboratorio all’interno del centro storico. Situata in via dei Fossi 51/r, negli anni l’insegna si è [...]