To Top
Lifestyle

Rimettersi in forma? Consigli per Milano

Il principio del benessere a 360° funziona abbinando movimento, nutrizione e meditazione

Quando si dice “mens sana in corpore sano” vuol dire esattamente questo: stare bene dentro e fuori, nel corpo e nello spirito. Ma come si fa? Il principio del benessere a 360° funziona abbinando movimento, nutrizione e meditazione (allontanando stress e pensieri negativi), più o meno come suggerito dall’antica disciplina yoga, la cui etimologia racchiude già in sé un’importante radice che significa, appunto, “unire”: corpo e mente.

Come del resto suggeriscono a loro volta molti medici, consigliando ai propri pazienti di svolgere almeno mezzora di attività fisica al giorno e di adottare una buona dieta semplice ed equilibrata che faccia bene non solo alla linea ma anche utile per preservarsi nel migliore dei modi in prospettiva del futuro. La Fondazione Umberto Veronesi, di questa combinazione di elementi ne ha fatto un vero e proprio life motif, realizzando infatti ormai da tanti anni la campagna di sensibilizzazione per la prevenzione del tumore alla mammella (Pink is Good), dove lo scopo è quello fare comunicazione attraverso una serie di “eventi” milanesi, e non, che portino fuori dagli ospedali il messaggio relativo all’importanza dello sport e di una dieta povera di grassi animali e zuccheri raffinati per il benessere dell’individuo. Nonché della diagnosi preventiva.

A proposito di “Pink is Good” invece, sono pronte le lettrici di Flawless per la Pink Marathon solidale di aprile? A questo link potrete scaricare il bando per l’iscrizione, sono aperte le registrazioni. Milano è da sempre capitale di questo genere di iniziative all’insegna del benessere corpo-mente, in particolar modo al femminile. Per esempio, si è conclusa proprio ieri la Nike Women Week a Villa Quarzo, nel futuristico distretto urbano di Porta Nuova, dove per tutta la settimana sono stati ospitati corsi di fitness gratuiti e aperti al pubblico in nome del wellness, tra l’altro con il valore aggiunto di poter testare i prodotti Nike durante le attività. Tra i vari sponsor molti partner dedicati al benessere per antonomasia, come Terme di Milano, l’acqua Vitasnella e Holy-The Wellness Drink, il quale il 28 gennaio ha avuto l’originale idea di organizzare insieme a Nike un allenamento esclusivo di “Yoga Vinyasa Flow” per le colleghe giornaliste (c’ero anch’io: ero quella che diceva sempre “ahia”!).

La scuola di Yoga più cool di Milano, invece? Bali Yoga – in via Frua 8, via Ravizza 14 e via Varese 18. Scegliete la più vicina a casa! Per gli amanti dello Yoga in generale, segnatevi l’appuntamento con la nuova edizione dell’Olis Festival (6/7 febbraio) in quel di via Tortona, nella splendida e prestigiosa cornice del Super Studio. Un evento unico in Italia, basato su di un format innovativo a metà fra convegno, fiera e laboratorio esperienziale, che adotta un linguaggio diverso e calibrato per parlare di discipline olistiche e bio-naturali, di medicine non convenzionali, etnomedicine, di medicina integrata e alimentazione naturale.

Tuttavia, se non avrete tempo di passare dall’Olis Festival ma voleste comunque provare un’esperienza unica al mondo, testando una cucina vegetariana e vegana di altissimo livello, vi consiglio di andare a trovare i miei amici Carlo Codarini e Michele Maino all’Osteria al 55, in via Messina 55. Qui il cibo non solo è buono ma è anche bello e la bellezza, si sa, quando diventa oggettiva fa molto bene proprio allo spirito: recentemente ha dichiarato qualcosa di simile il prof. Stefano Zecchi, parlando a proposito di arte e cultura durante una tavola rotonda dedicata all’estetica contemporanea, presso lo showroom di Andrea Fenzi, in piazza Castello a Milano. Tra gli ospiti hanno partecipato non solo gli amici della stampa, ma anche alcuni importanti opinion maker dei salotti milanesi, come la pierre Daniela Iavarone, e altri ambasciatori dell’eleganza per definizione, come il Cavalier Mario Boselli, Presidente Onorario della Camera Nazionale della Moda.

Libro consigliato in merito all’argomento vegano-salutistico? The China Study, di T. Colin Campbell e Thomas C. Campbell.