To Top
Ristoranti

Métis

Cucina napoletana e francese si incontrano in rielaborazioni fusion

Tra le trafficate vie dello shopping e della movida di Napoli è possibile imbattersi in una piazzetta defilata, un angolo di pace ricco di storia e charme. Proprio qui, al civico 21 di Vico Santa Maria a Cappella Vecchia, si trova Métis, un Oyster Bar che associa i sapori della tradizione culinaria partenopea alle influenze della cucina francese.

Metis

Il locale si presenta agli occhi degli avventori con un ambiente di gran classe, proponendosi come ritrovo intimo dove trascorrere momenti in compagnia gustando deliziose ostriche. L’arredamento è ispirato a quello dei classici bistrot francesi e si distingue per la palette di toni scuri che contribuisce alla sensazione di relax, messa in evidenza anche dalle comode sedie in velluto – verdi quelle ai tavoli e color senape al bancone del bar-. I faretti creano preziosi giochi di luce che sottolineano le bottiglie incassate alle pareti e i singoli tavoli, in modo da portare leggerezza in un ambiente in cui il nero è predominante.

Metis

Le ostriche sono il must del locale, da accompagnare ad un calice di Champagne per una ventata parigina nel cuore di Napoli. L’influenza francese è evidente nei piatti dell’esclusivo menu, ad esempio la salsa parmentier – che si ispira all’omonima zuppa a base di patate, panna e porri – viene accompagnata ad un baccalà agli agrumi e amarena fermentata. O ancora, uno degli starter da provare è il crostino di pane con burro della Normandia ed alici del Cantabrico, un’esplosione di gusto che fa da preludio a piatti che rispettano la stagionalità delle materie prime, confermando qualità del menù di Métis.

Metis

“Se l’Ostrica è solo un frutto di mare, allora lo Champagne è solo un vino frizzante”, recita la filosofia del locale, sottolineando come la semplicità non debba mai essere confusa per banalità. Al contrario, il menu proposto da Métis è composto da creazioni eccellenti, non eccessivamente elaborate, in cui il sapore del pesce viene elevato con influenze culinarie francesi e napoletane: una garanzia di golosità.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di napoli e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Daniele Giovani Milano

Corso Genova, 13 20123 Milano

Non solo una boutique multibrand del lusso, ma un autentico laboratorio creativo del Made in Italy. Daniele Giovani Milano è un salotto della moda che conquista i suoi clienti con una selezione di accessori all’insegna dell’artigianalità del prodotto, includendo marchi storici e brand emergenti, e portando l’innovazione nel concetto storico di boutique grazie a un [...]

Il Mosto Selvatico

Via Cesare da Sesto, 13 20123 Milano

Al civico 13 di Via Cesare da Sesto, non lontano dai Navigli, Il Mosto Selvatico è una garanzia per gustare ottime specialità di mare a Milano. Questo ristorante, nato come trattoria negli anni ‘60, offre atmosfere romantiche e sapori ricercati in un luogo in cui la cura dell’ospite si unisce all’amore per la cucina del [...]

Alla scoperta dei “Vinaini”: le migliori norcinerie con mescita di Firenze

I Vinaini sono piccoli locali toscani in cui è possibile mangiare un boccone farcito con i migliori prodotti locali e bere un bel calice di vino, possibilmente rosso e di mescita. A Firenze sono davvero famosi, così tanto che alcuni di loro hanno fatto strada e oggi hanno aperto delle sedi in metropoli come Londra [...]

Dove Organizzare una Grigliata a Milano

Milano: l’inizio della bella stagione, l’arrivo del caldo e il desiderio di organizzare un barbecue circondati dalla natura. Se anche voi siete alla ricerca di un posto dove poter organizzare una grigliata senza allontanarvi dalla città, Flawless arriva in vostro aiuto. La scelta è varia: parchi attrezzati, oasi in riva al lago e cascine agricole [...]

Loste Café

Via Francesco Guicciardini, 3 20129 Milano

Loste: dalla fusione delle iniziali dei fondatori, Lorenzo e Stefano. Una collaborazione nata nel pluristellato Noma di Copenaghen, uno dei ristoranti più d’avanguardia al mondo, dove Stefano è stato per molti anni capo pasticciere, Lorenzo sommelier. Hanno poi deciso di rientrare in patria e dare voce al loro racconto di caffè e dolci dall’ispirazione completamente [...]