To Top
Stellati

Moma

Un viaggio, tra arte e cucina, nel ristorante romano nato dal genio dei fratelli Pierini

La cucina è arte. Un mantra che i fratelli Pierini, Gastone e Franco, conoscono bene. Tanto da metterlo all’opera fin dal 2002, quando hanno aperto, in via di San Basilio 42/43, a Roma, il ristorante Moma, ispirato al Museum of Modern Art di New York. E se il nome strizza l’occhio a uno dei più celebri poli culturali al mondo, non da meno è il locale, in cui si respirano creatività e armonia.

La location è infatti all’insegna di un equilibrato bicromatismo: da una parte il calore del legno, soprattutto nocciolo e mogano, dall’altra l’eleganza dell’acciaio, a farla da padrone negli arredi più moderni. Un duplice volto caratterizza anche la proposta gastronomica del Moma. Il locale, infatti, vive di due diverse anime che si alternano nel corso della giornata: quella bistrot, vivace, veloce e contemporanea, e quella gourmand, sofisticata, elegante e ambiziosa. Entrambe, però, sono caratterizzate da una cucina “easy e di qualità”, come recita la Guida Michelin che ha per questo assegnato al Moma l’ambita stella.

I Ristoranti Stellati di Roma Un viaggio nell’Olimpo della Haute Cuisine[email protected]

Un riconoscimento che ha incoronato lo chef del locale, il romano Andrea Pasqualucci, classe 1989. “Artista dei fornelli”, Pasqualucci propone un menù fondato sulla territorialità, con materie prime di stagione e provenienti dai piccoli allevatori della zona. Nella parte “ristorante” del locale, l’estro dello chef è alla base di “Cambiamenti”, menù degustazione da sei portate che spazia dalle tagliatelle di seppia alla puttanesca al risotto alla camomilla, anguilla affumicata, miele e origano, dai tortelli alle cime di rapa, alici e bagna cauda al polpo verace alla piastra con radici e dragoncello.

Passando al menù alla carta, la “romanità”, in chiave contemporanea, è ben presente nelle chitarrine alla gricia, pecorino romano, guanciale e cacio ubriaco, mentre una proposta di carne da non perdere è sicuramente la pancia di maialino, cavolo cappuccio, senape e mele. A pranzo è poi disponibile un menù da “business lunch”, con idee più veloci ma non meno gustose: uovo pochè con lenticchie e tartufo nero, paste e patate con provolone di Formia e tartare di filetto di manzo, tanto per citarne alcune.

Moma[email protected]

L’anima “bistrot” è invece affidata alle esperte mani di chef Franco Pierini. Qui, il servizio al bar accompagna la clientela per tutto il giorno, sin dal mattino, con caffè, tè, spremute, centrifughe, frutta fresca, cornetti, biscotti e muffin (tutti rigorosamente homemade), oltre a un delizioso assortimento di sandwich espressi. Il cuore della proposta bistrot è il “light lunch”, dalle 11.30 alle 15, in perfetto stile newyorkese. In piccole portate, vengono proposti piatti differenti a seconda degli arrivi giornalieri del mercato, come la Parmigiana di melanzane, lo sformatino di baccalà, il tortino di riso, l’insalatina di polpo verace, le polpettine al pomodoro, di pesce o di verdure, il sartù di riso o il gateau di patate.

Moma[email protected]

Altrettanto varia è la cantina. La carta del Moma porta il cliente in un viaggio tra le migliori vigne d’Italia, dai rossi piemontesi ai più pregiati Franciacorta. In un ristorante che ha sposato l’arte come ragione di vita, non può poi mancare un omaggio alla Francia, con etichette dalla Borgogna, Bordeaux, Loira e Champagne. «Mi piace creare un piatto come fosse un modellino da pitturare in tutti i suoi dettagli: gli ingredienti giusti come fossero i colori giusti». Parola di chef Pasqualucci. Quadri gastronomici che potete trovare “esposti” soltanto sui tavoli del Moma.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di roma e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Daniele Giovani Milano

Corso Genova, 13 20123 Milano

Non solo una boutique multibrand del lusso, ma un autentico laboratorio creativo del Made in Italy. Daniele Giovani Milano è un salotto della moda che conquista i suoi clienti con una selezione di accessori all’insegna dell’artigianalità del prodotto, includendo marchi storici e brand emergenti, e portando l’innovazione nel concetto storico di boutique grazie a un [...]

Il Mosto Selvatico

Via Cesare da Sesto, 13 20123 Milano

Al civico 13 di Via Cesare da Sesto, non lontano dai Navigli, Il Mosto Selvatico è una garanzia per gustare ottime specialità di mare a Milano. Questo ristorante, nato come trattoria negli anni ‘60, offre atmosfere romantiche e sapori ricercati in un luogo in cui la cura dell’ospite si unisce all’amore per la cucina del [...]

Alla scoperta dei “Vinaini”: le migliori norcinerie con mescita di Firenze

I Vinaini sono piccoli locali toscani in cui è possibile mangiare un boccone farcito con i migliori prodotti locali e bere un bel calice di vino, possibilmente rosso e di mescita. A Firenze sono davvero famosi, così tanto che alcuni di loro hanno fatto strada e oggi hanno aperto delle sedi in metropoli come Londra [...]

Dove Organizzare una Grigliata a Milano

Milano: l’inizio della bella stagione, l’arrivo del caldo e il desiderio di organizzare un barbecue circondati dalla natura. Se anche voi siete alla ricerca di un posto dove poter organizzare una grigliata senza allontanarvi dalla città, Flawless arriva in vostro aiuto. La scelta è varia: parchi attrezzati, oasi in riva al lago e cascine agricole [...]

Loste Café

Via Francesco Guicciardini, 3 20129 Milano

Loste: dalla fusione delle iniziali dei fondatori, Lorenzo e Stefano. Una collaborazione nata nel pluristellato Noma di Copenaghen, uno dei ristoranti più d’avanguardia al mondo, dove Stefano è stato per molti anni capo pasticciere, Lorenzo sommelier. Hanno poi deciso di rientrare in patria e dare voce al loro racconto di caffè e dolci dall’ispirazione completamente [...]