To Top
Cocktail Bar

Emporio 1920

I ruggenti anni del proibizionismo raccontati con le moderne tecniche di bartending

Emporio 1920 è uno dei migliori bar speakeasy di Bologna. Fermi tutti, sappiamo che ve lo state chiedendo: che cos’è un “bar speakeasy”? Per rispondere dobbiamo fare un salto all’indietro nel tempo, proprio nei ruggenti anni Venti. Negli Stati Uniti è appena scattato il proibizionismo, una serie di misure restrittive che vietano la fabbricazione, la vendita e il consumo di alcol. Per aggirare la norma, l’ingresso nei locali, rigorosamente illegali, avveniva soltanto tramite una parola d’ordine e, una volta dentro, si poteva bere senza problemi: erano, per l’appunto, i bar speakeasy.

A Bologna niente proibizionismo – al massimo qualche ordinanza anti-movida – eppure, entrando nell’Emporio 1920, si respira proprio l’atmosfera di quell’epoca, fra musica swing e luci soffuse. Dietro al bancone vintage, fa gli onori di casa il bartender e proprietario Francesco Trimigno, anche lui vestito a tema con una coppola in stile Peaky Blinders. Pugliese di origine, comincia fin da adolescente a familiarizzare con lo shaker e, dopo aver collezionato esperienze di successo in tutta Italia, sbarca col suo locale a Bologna, nel cuore della zona universitaria. Un tempio del mixology in cui vigono alcune regole, riassunte nel decalogo all’ingresso. Le prime? Non chiedere Redbull, cicchetti e vodka fruttata. Una sorta di bugiardino del buon bevitore, per niente scontato nelle vie della movida intorno a Piazza Verdi.

Ma è l’ultimo precetto il più importante: “Ricorda che se bevi qui ti trovi indietro nel tempo, ma avanti con la mente”. Un mantra, scritto anche sullo specchio della sala, che è un po’ la filosofia del locale: drink che guardano agli anni Venti, ma con tecniche e presentazioni del moderno bartending. La frutta e la verdura di stagione esaltano le proposte del menu che, proprio per questo, cambia spesso, mentre le preparazioni di Trimigno spaziano fra l’infusione, l’osmosi e il sottovuoto. Il mood del locale è ben rappresentato dal whiskey, presente in 35 qualità, e dalla tradizione liquoristica italiana.

I suoi signature cocktails affascinano per la ricercatezza degli ingredienti e per la gestualità con cui vengono preparati, mosse studiate ad arte per intrattenere e accendere le aspettative del cliente. L’Emporio offre un’esperienza sensoriale che ci riporta ai viaggi di Marco Polo con il “Puch della Seta”, un blend di rum giamaicani con bitter al cioccolato, float di vino rosso ed estratto di ananas e mango, mentre un drink che ha fatto la storia come il Negroni viene accompagnato da una cialda di parmigiano con germogli di ceci, lenticchie e grano. La selezione di proposte esclusive continua col “Fumo di Londra”, un gin infuso ai funghi porcini, Biancosarti e vermouth al mallo di noce con affumicatura di bosco, e con “The Untouchable”, in cui il gusto intenso di un bulleit bourbon whiskey, invecchiato dieci anni, incontra la dolcezza di una brunoise di ananas e cocco essiccati, shrub di Pina Colada e bitter aromatico. Il menu estivo, invece, concede qualche sconto alle famose “dieci regole” del locale, con cocktail come “La bella stagione”: vodka infusa ai frutti di stagione, liquore ai fiori di sambuco e Franciacorta. 

Un viaggio nell’America di cento anni fa capace di conquistare anche Gambero Rosso che ha inserito l’Emporio 1920 nella guida dei migliori bar d’Italia. E se lo dicono loro, c’è da fidarsi.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di bologna e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Bulk Mixology Food Bar

Via Aristotele Fioravanti, 4 20154 Milano

La definizione ufficiale del Bulk è quella di “mixology food & bar”. Per me, è  una vera oasi di pace e tranquillità nel cuore di Chinatown. Un locale avvolgente e accogliente - cozy, direbbero gli anglofili - dove a tutte le ore è possibile gustare cocktail d'autore accompagnati da piatti sfiziosi e curatissimi. Si trova all’interno dell’Hotel Viu, 5 [...]

Drinc.Different

Via Francesco Hayez, 13 20129 Milano

Luca Marcellin fa il bis e ci dà un altro appuntamento. Nato sotto la costellazione della Mixology, è il nuovo locale firmato dall’abilità e dal genio dell’ormai noto barman professionista che sta contribuendo ad arricchire di valori, sapori e sensazioni l’esperienza meneghina del buon bere. Il primogenito drinc., a poche centinaia di metri di distanza, [...]

MAG La Pusterla

Via Edmondo de Amicis, 22 20123 Milano

Insegna iconica del capoluogo meneghino, il Caffè La Pusterla cambia il suo nome in MAG La Pusterla, sottolineando il sorprendente passaggio di testimone nelle mani di Flavio Angiolillo e della sua piccola grande famiglia - tra cui i suoi compagni di squadra da sempre Francesco Bonazzi, Carlo dall’Asta, Marco Russo, Benjamin Cavagna, Loris Melis e Lorenzo [...]

Rita’s TIKI ROOM

Ripa di Porta Ticinese 69, 20143 Milano

E’ stato Ernest Raymond Beaumont Gant ad aprire il primo tiki bar tra le pieghe degli anni ‘30, sotto il sole di Los Angeles e di un’America disillusa che si lasciava alle spalle il Proibizionismo. Don The Beachcomber (così si faceva chiamare), ha per primo condito la sua proposta di ristorazione con l’esotismo raccolto nei lunghi [...]

Allangolare | tutto attaccato

Via Plinio, 46 20129 Milano

Al civico 46 di via Plinio si svela un accogliente salotto meneghino, luogo di incontro, del “buon bere” e del “buon mangiare” letteralmente all’angolo con viale Abruzzi. Una magnetica atmosfera senza tempo, in un ricercato intreccio fra passato e presente, ricordi d’infanzia e sperimentazione, proprio come la storia di Sara e Niccolò che hanno fatto di un sogno nel cassetto [...]