To Top
Stellati

Contraste

Un ambiente riservato, elegante che induce alle chiacchiere senza mai sentire i vicini di tavolo

Avanti, indietro. Avanti, indietro. “La tua destinazione è sulla tua sinistra”. Ops, sono andata troppo avanti… ma dov’è? Contraste inizia subito a stuzzicarmi. Anche se ho in mano l’Iphone e l’app di Google Map mi indica la strada, nulla, non si fa trovare. Finalmente mi accorgo di un citofono sulla porta e di una piccola deliziosa insegna che non urla la sua presenza ma aspetta sorniona al varco.

Contraste | Photo Credit: Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

ASCOLTA SU LOQUIS

Sembra proprio di entrare in una casa. Di fuori il giardino, curatissimo, sedie e tavoli bianchi che stimolano già una voglia di finger food e aperitivo estivo, dentro camerieri sorridenti (anche se sono in ritardo e avevo spergiurato puntualità) e una decina di tavoli tutti tondi e tutti con una nuvola di cotone e luci azzurre in mezzo. Una mis en place leggera ed elegantissima.

Contraste - Tavoli Nuvole | Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

La nuvola sarà l’altare degli stuzzichini pazzeschi preparati dallo chef Matias Perdomo – il già stellato di “Pont de Ferr” – come entrée. Saporiti, colorati, belli e, inutile dire, buonissimi… su tutti, una piccola melina morbida verde scintillante, due foglioline in cima e dentro: sarde in saor! Stupefacente. La nuvola sparisce quando si incomincia a fare sul serio, il menù degustazione mi aspetta e la gentilezza del cameriere mi ha consentito di cambiare una portata con un piatto del menù à la carte. Per chi avesse voglia di mettersi in gioco, c’è il menù specchio. Basta descriversi un po’, gusti e personalità e lo chef creerà un menù che vi rispecchi!

Contraste - Interni | Paulo Rivas PenaPhoto credit © Paulo Rivas Peña

Incomincio con “passeggiando fra i boschi”: una crema di funghi porcini guarnita con piccoli pezzettini di mela e nocciola. Se non avessi avuto quel minimo di dignità, avrei semplicemente leccato il piatto. Arriva l’ “Alunga in verde”: un pesce della famiglia del tonno, a me sconosciuto, cucinato a crudo con una salsa di capperi che mixa il sapore e lo esalta. Seguono “Il donut alla bolognese” (lasagna rivisitata) e “Gnocchetti con salsa affumicata di anguilla”, il “caciucco straordinario” (il brodetto mi dava la netta sensazione di essere in riva al mare, finte cozze ripiene di pesce paradisiache), “Filetto alla pizzaiola” e… il dolce. Sì ho ancora spazio per il dolce. “Pulp fiction”: proiettili di cioccolato fondente, sangue di barbabietola, petali di rosa e montagne di crema al cocco, impalpabile al palato ma di gusto delicato e persistente. Per concludere “Gerusalemme”, mattoncini di sesamo bianco, a simboleggiare il muro del pianto, cupola d’oro di zucchero lavorato come fosse vetro, ripieno di gelato, microsferizzazione di melograno, datteri e noci a completare.

Contraste - Pulp Fiction| Christian ParaviciniPhoto credit © Christian Paravicini

Il tutto in un ambiente riservatoelegante (soffitti dipinti e lampadari rossi a contrasto) che induce alle chiacchiere senza mai sentire i vicini di tavolo. Ottima atmosfera, ottimo gioco di illuminazione e ombre, ottimo cibo (nel mio caso anche ottima compagnia), ottimo servizio. Non c’è ancora nessuna stella… Scommettiamo che arrivano doppie? Sarebbero assolutamente meritate!

Contraste | Photo Credit: Guido de BortoliPhoto credit © Guido de Bortoli

Uscendo non si può che sbriciare in una gigantesca toppa nel muro: è una giocosa enorme serratura dove è obbligatorio guardare… Ecco a voi la brigata al completo che lavora, prepara e spadella i piatti. Adesso che lo conoscete, non andarci – culinariamente parlando – sarebbe il vostro errore più grande.

 
🎧 Ascolta il podcast di questo articolo:

Photo credit cover picture © Guido de Bortoli

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Ristorante Del Cambio

Piazza Carignano, 2 10123 Torino

“Abbiamo fatto la storia e adesso andiamo a mangiare” disse Cavour dopo aver letto il proclama di guerra contro l’Austria. E sapete dove andò? Proprio al Ristorante Del Cambio, il suo preferito, collocato sulla stessa piazza di Palazzo Carignano, sede del parlamento del Regno di Sardegna prima e poi parlamento dell’Italia Unita. La storia di questo ristorante, nato [...]

I Portici

Via dell'Indipendenza, 69 40121 Bologna

Bologna è terra di tradizioni e osterie. Per anni - e in parte ancora oggi - si è preferito valorizzare i sapori di una volta e gli odori che uscivano dalle cucine delle nostre nonne, in un imprinting gastronomico che, spesso per scelta, fugge dai piatti più gourmet e ricercati. Un vuoto che, dal 2008, è stato ben colmato [...]

Crotto dei Platani

Via Regina 73, 22010 Brienno

È estate: colori, profumi e odori vi spingono ad andare sul lago per pranzo. E poi vi ritrovate a Brienno, al civico 73 di via Regina. Come un diamante, il ristorante Crotto dei Platani è letteralmente incastonato nella roccia, tra il Lago di Como e il Monte Gringo. Una veranda che promette riservatezza, con vista a dir poco mozzafiato. Poi un giardino, di fiori e platani e un terrazzino a dominare tutto [...]

I Migliori Ristoranti con Giardino di Milano

To read this article in English, click here. Nonostante il tempo pazzerello degli ultimi mesi l’estate sta finalmente arrivando in pianta stabile anche a Milano ed è tutto bellissimo… fino a che la natura ovviamente non rende il calore insopportabile. Prima ancora che ve ne rendiate conto, vi ritroverete a fare avanti e indietro per [...]

I Ristoranti più Romantici di Milano

Quando gli innamorati lavorano, il tempo per ritrovarsi è un po’ limitato, a scapito del romanticismo e delle ricorrenze. La vita cittadina è bella ma ha il suo prezzo: la fretta. Facciamo tutto di fretta, continuamente, e trovare spazi liberi in cui inserire momenti di svago, di tranquillità e di piacere è sempre più difficile. Spesso [...]