To Top
Eventi passati

Tulipani Italiani

Spring has Sprung! Un mare di tulipani colorati a due passi dal centro di Milano

Metti un ragazzo olandese cresciuto a “pane&tulipani”, in una famiglia dove tutti, dai genitori ai cugini, si occupano di coltivazione ed esportazione di bulbi a livello internazionale. Metti l’idea di un campo “U-pick” (raccoglimi tu), modalità di raccolta diretta di prodotti stagionali da parte del consumatore, ben diffusa sia nel resto d’Europa che nei campi bio degli Stati Uniti. Metti una fidanzata con il pallino di trasferirsi in Italia. Nasce così, alle porte di Milano, il primo campo in Italia di raccolta diretta di questi meravigliosi fiori: “Tulipani Italiani”.

Un ettaro di terreno che racchiude 250.000 bulbi di 185 diversi colori e tipologie, un meraviglioso scorcio di colore che apre il cuore. Un luogo dove passeggiare, ammirare la natura, fare stupende fotografie e rilassarsi. E se vi venisse fame potrete anche godere di una tra le tante location golose nei dintorni.

Come funziona: previa prenotazione, obbligatoria nel fine settimana, è possibile accedere al campo muniti di forbici e cestino – direttamente forniti in loco – e si può passeggiare tra le file di tulipani e scegliere i propri al costo di 1,5€ a fiore. Si possono anche comporre i propri bouquet grazie a un’area dotata di tavoli, carta e nastri. Anche il costo dell’accesso è in “moneta-tulipano”: ovvero 3€ equivalenti a due tulipani. Accesso riservato a bipedi e non quadrupedi per evidenti ragioni pratiche.

Edwin e Nitsuhe si sono trasferiti a Cornaredo in autunno, hanno individuato il campo ideale, e per tutto il mese di novembre hanno piantato bulbi. Mentre i bulbi sonnecchiavano sotto terra si sono fatti conoscere e ben volere da tutto il paese. Inclusi i Carabinieri ai quali hanno piantato tulipani nel giardino della caserma.

La storia del tulipano ha origine da una struggente storia d’amore. In un villaggio della Persia viveva un artigiano di tappeti che aveva una figlia di nome Ferhad. I tappeti dell’uomo erano così belli che molti mercanti venivano dalla capitale, Isfahan, per comprarli. Mentre erano al villaggio, i mercanti decantavano le magnificenze della città e Shirin, il giovane apprendista promesso sposo di Ferhad, ascoltava con attenzione. Shirin era molto ambizioso e quando venne a sapere che nella capitale cercavano artigiani, decise di partire, promettendo a Ferhad di tornare presto per farla sua sposa. Passò molto tempo e poiché Shirin non tornava, Ferhad sellò un cavallo e partì per andarlo a cercare. Viaggiò a lungo e quando vide la città all’orizzonte era così stremata che cadde da cavallo, slogandosi una caviglia. L’animale fuggì e Ferhad fu costretta a proseguire trascinandosi a carponi. Le pietre aguzze, tuttavia, le provocarono ferite mortali e lei non arrivò mai a Isfahan. Ma la terra, bagnata del suo sangue e delle sue lacrime, generò grandi fiori rossi, a testimonianza del suo amore: i tulipani.

I tulipani sono tutt’ora il simbolo dell’amore, e in effetti ancor oggi in Iran gli innamorati si scambiano tulipani nelle occasioni speciali. Per molto tempo il tulipano rimase un segreto delle terre mediorientali dove cresceva spontaneo, poi arrivò in Turchia e proprio da lì nel 1554, fu scoperto dall’ambasciatore austriaco che lo portò a Vienna. In seguito arrivò dall’Austria fino a Parigi, dove divenne di moda, e infine in Olanda, dove fu oggetto di coltivazione intensiva. I bulbi venivano contrattati dai ricchi mercanti olandesi, e le più rilevanti di tali contrattazioni all’inizio si svolgevano nel palazzo del mercante Van der Burse, palazzo che si trasformò nella sede non soltanto del commercio dei tulipani, ma anche di altri prodotti. Derivò così dal nome di quel mercante la parola Borsa, che ancora oggi indica il luogo delle contrattazioni di azioni e valute.

Il tulipano conquistò tutti e divenne il fiore delle dame della nobiltà, tanto caro da far parte della dote delle ragazze che andavano spose. Ora tutto è pronto e dopo le piogge della scorsa settimana è confermata la data di apertura: 28 marzo fino al 7 aprile circa.

Noi non stiamo più nella pelle. O nei petali.

Ti potrebbero interessare anche...

TIME TO ART

Fin dalla sua nascita, nel 1983, Swatch ama avvicinare l’arte alle persone. E quest’anno, con l’esposizione TIME TO ART che prenderà forma a Milano, Swatch ripercorre i momenti più salienti di 35 anni d’amore per l’arte: via Montenapoleone per 9 giorni, dal 5 al 13 aprile, diventerà il set per una passeggiata mozzafiato all’insegna dell’ispirazione [...]

Urban Chalet – Four Seasons Hotel

Dicembre è ormai arrivato, il periodo delle feste e della gioia di ritrovarsi tutti insieme. Non sarebbe bello potersi sedere a fianco ai nostri cari e parlare a quattr’occhi in una location raffinata, intima e rilassante? Niente di meglio, allora, di un afternoon tea o un aperitivo circondati dall’eleganza e dalla bellezza dell’Urban Chalet al [...]

The Love Affair

Sono quattro anni, ormai, che il concept di Cristina Di Giovanna e Sofia Barozzi, The Love Affair, mette insieme giovani coppie che programmano il loro matrimonio e specialisti del campo wedding attraverso un evento che non è solo una fiera di settore ma una vera e propria celebrazione di tutto il bello che circonda quel fatidico sì. Segni [...]

Il Duomo di Milano svela i suoi angoli nascosti

Il Duomo di Milano festeggia quest'anno i suoi 630 anni. Sei secoli più che intensi: tra bombardamenti, restauri e ricostruzioni. Sei secoli di arte e di architettura legati indissolubilmente alla storia della città. Da settembre a dicembre 2017, la Veneranda Fabbrica del Duomo farà un enorme regalo ai milanesi, ai turisti e agli appassionati che vorranno conoscere luoghi solitamente non accessibili [...]

Marry Me in Cascina

Più abitiamo in città più ci rendiamo conto delle bellezze della campagna: il contatto con la natura, la vita semplice e quieta, le cose genuine. Quanta pace si gode fra i campi, che ora l’autunno colora, e quanto diverso sembra il mondo lontani dalla giungla di asfalto? Perché non dare quella stessa bellezza al giorno [...]