To Top
Classifiche

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

Musei e suggestioni per un inizio d’estate all’insegna dell’arte

Culla della cultura, Milano accoglie l’arrivo dell’estate con una ricca programmazione artistica, in cui architettura, fotografia, design e pittura diventano protagonisti di un’offerta museale davvero sfaccettata. Dalla Triennale al nuovo ADI Design Museum, dalla Fabbrica del Vapore a Fondazione Prada, fino alla Fondazione Sozzani all’interno del famoso civico 10 di Corso Como, l’occhio avrà la sua parte, alla scoperta di progetti e opere che regalano al capoluogo lombardo uno sguardo inedito sulle diverse forme di espressione che l’arte porta con sé.

Flawless ha selezionato alcune delle mostre a Milano da vedere a Giugno: un magnetico percorso in compagnia di grandi nomi del panorama artistico internazionale, da scoprire opera dopo opera.

LES CITOYENS

La Triennale di Milano | Viale Emilio Alemagna, 6

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

CHIAMANAVIGATORE

Dal 6 Maggio al 12 Settembre, il palazzo della Triennale di Milano ospita in esclusiva Les Citoyens, una mostra che raccoglie 120 opere di 28 artisti della celebre collezione della Fondation Cartier di Parigi. Un percorso espositivo che abbraccia le architetture del Museo, ad opera dell’artista argentino Guillermo Kuitca, con l’obiettivo di indagare il rapporto tra la figura umana e il mondo, in particolare i concetti di collettivo, gruppo e comunità, lungo installazioni, dipinti, ceramiche, sculture, video e disegni.

FRIDA KAHLO – IL CAOS DENTRO

Fabbrica del Vapore | Via Procaccini, 4

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

CHIAMANAVIGATORE

All’interno degli spazi della Fabbrica del Vapore, prende vita, fino al 25 Luglio, un racconto immersivo dedicato alla vita artistica e professionale di Frida Kahlo, attraverso un percorso interattivo e multimediale. Un viaggio alla scoperta del “caos” di Frida e del suo rapporto con il Messico – tra cui gli interni di Casa Azul, dove abitò con la famiglia e con il marito, Diego Rivera -, da ritrovare in fotografie, ritratti, opere, lettere, abiti e gioielli che tracciano la forte personalità dell’artista e del suo caleidoscopico universo.

MILANO FOTOGRAFIE DAL 1956 AL 1962

Fondazione Sozzani | Corso Como, 10

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

CHIAMANAVIGATORE

Un omaggio alla città di Milano a cavallo tra gli Anni 50 e 60, attraverso gli scatti del fotografo Paolo di Paolo che racconta, attraverso il potente mezzo dell’immagine, di un luogo affascinante, con le sue nebbie e le sue luci, così diverso da Roma. Una mostra da ammirare, fino al 29 Agosto, negli spazi di Fondazione Sozzani, al civico 10 di Corso Como, immaginando, per un momento, di ritrovarsi in quelle strade e in quegli scorci, attraverso un punto di vista inedito, fuori dal tempo e dallo spazio.

WHO THE BÆR

Fondazione Prada | Largo Isarco, 2

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

CHIAMANAVIGATORE

Al piano terra del Podium di Fondazione Prada, il progetto ad opera di Simon Fujiwara accompagna i visitatori alla scoperta del mondo di BÆR, un orso dalla personalità ancora non sviluppata, con le sembianze di un personaggio dei cartoni che abita un mondo creato dall’artista, dalle infinite possibilità, in cui può trasformarsi e adattarsi a qualsiasi immagine che incontra, vivendo la sua libertà. Un labirinto in cartone, materiali riciclabili e opere realizzate a mano vi accompagnerà alla scoperta delle avventure di BÆR, in un avvicendarsi di eventi che indagano la ricerca dell’invenzione e dell’autenticità nella cultura consumata quotidianamente.

GIULIO CASTELLI.

ADI Design Museum | Piazza Compasso D’Oro, 1

Le Mostre a Milano da Vedere a Giugno

NAVIGATORE

Nella nuovissima cornice dell’ADI Design Museum – inaugurato il 24 Maggio -, si celebra la figura dell’imprenditore milanese Giulio Castelli, fondatore di Kartell, lungo una mostra che ripercorre alcune tra le più celebri icone del brand. Un percorso immersivo alla scoperta dei prodotti più innovativi e importanti che hanno reso questa realtà famosa in tutto il mondo, sottolineando il ruolo di spicco di Castelli che, nel 2004, ricevette l’Ambrogino d’Oro dall’allora Sindaco di Milano, Gabriele Albertini.