To Top
Fuori Porta

Ristorante Al Filò

Tradizione valtellinese in chiave minimal chic

Che abbiate scalato cime impossibili, sciato fino alla morte dei sensi, travalicato passi con la sola forza delle vostre gambe, attraversato valli e guadato fiumi, oppure che vi siate semplicemente immersi in acque termali prodigiose come quelle dei Bagni Vecchi di Bormio, poco conta. Dopo una giornata all’insegna del benessere fisico e mentale, avrete tutti un unico comune denominatore a caratterizzarvi: uno stato famelico smodato tale da indurre a mangiarvi tutte le dita, a meno che non abbiate prenotato con il giusto anticipo il vostro tavolo al Ristorante Al Filò, al civico 6 di via Dante Alighieri a Bormio.

ristorante-al-filo-esterno

Uomo avvisato, mezzo salvato. Quindi non versate lacrime amare, care signore e signori, se non avrete la possibilità di oltrepassare quella enorme porta in ferro e vetro, di scendere i vecchi gradini della scala a chiocciola in sasso e pietre, e se non avrete il piacere di ritrovarvi magicamente catapultati indietro nel tempo. O meglio, fino al 1600: questa infatti è l’epoca a cui risalgono le volte in pietra del vecchio fienile con stalla, oggi adibito a ristorante. Un’epoca che viene rievocata anche dagli stessi arredi, con finiture ricche e colori caldi, come il rosso e l’ocra dei tessuti oppure come il testa di moro delle sedute e dei tavoli. Svariate le suppellettili in ferro appese alle pareti, pronte a sottolineare il passato montano rurale del luogo.

Un legame indissolubile quello con la tradizione valtellinese e la storia locale: il ristorante si trova infatti nel cuore del centro storico di Bormio, in una di quelle vie strette e anguste, lastricate a porfido, che pulsano ancora oggi di vecchie storie contadine. Persino il nome dato al locale, filò, ne richiama le origini: è un termine dialettale che sta a indicare le chiacchiere dei contadini nel tepore delle stalle, durante le lunghe sere d’inverno.

ristorante-al-filo-max-proprietario-chef

Un luogo che trasuda storia da tutti i pori con i suoi usi, costumi e tradizioni culinarie che Massimiliano Tusetti, Chef nonché patron del ristorante Al Filò, ha saputo reinventare con grande maestria e genio creativo. La sua cucina? Ovviamente semplice, come tradizione vuole, con materie prime valtellinesi, locali e stagionali. Ma studiata, ripensata e reinventata con proposte che a volte sorprendono, come le destrutturazioni: insolite ma che alla fine riconducono sempre all’emozione sensoriale primogenita delle antiche ricette. A volte invece lo chef rimane fedele alla tradizione valtellinese: piatti semplici e piccole variazioni d’ingrediente. Qual è la sua arma vincente? L’essenzialità che dona eleganza e raffinatezza al piatto.

ristorante-al-filo-polenta

E in cantina? Troverete ben 250 etichette pronte a soddisfare tutti i vostri gusti. Il pregio è ovviamente firmato Made in Valtellina, ma in lista non mancano di certo altre eccellenze italiane, così come il top degli champagne (sei per l’esattezza) e un ricco assortimento di grappe per chiudere in bellezza.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Camera Con Vista

Via Santo Stefano, 14/2a 40125 Bologna

Incastonata all’interno della storica cornice di Palazzo Isolani, con affaccio su Piazza Santo Stefano, questa ricercata insegna trae l’ispirazione del suo nome dall’omonimo libro di Edward Morgan Forster e dalla pellicola di James Ivory. Un luogo dedicata ai piaceri del “buon cibo” e del “buon bere” che nel 2017 si trasforma in un bistrot e cocktail [...]

I Conoscenti

Via Manzoni, 6 40122 Bologna

All’interno dell’antico palazzo del ‘300, abitato un tempo dalla famiglia Conoscenti, nasce I Conoscenti: un locale sfaccettato dalle diverse anime, declinato in cocktail bar, ristorante - al piano terra - e perfino in un elegante locanda al piano superiore. Un ambiente sofisticato e accogliente, capace di sorprendere per la cura nei dettagli e un’offerta gastronomica raffinata, [...]

Sette Tavoli

Via Cartoleria, 15/2 40124 Bologna

Di fronte al Teatro Duse, al civico 15/2 di via Cartoleria, apre le porte alla città Sette Tavoli, un’insegna sospesa nel tempo, luogo d’incontro tra cultura e cucina. Come si evince dal nome, qui ci sono solo sette tavoli, ognuno dei quali ispirato a un artista, poeta o scrittore amante dei piaceri della tavola e soprattutto [...]

Miramonti l’Altro: la Fuga Culinaria al Confine con la Franciacorta

Via Crosette, 34 25062 Concesio

Situato in un quartiere residenziale di Concesio, piccolo comune in provincia di Brescia, il ristorante Miramonti l’Altro ha l’aspetto di un’elegante villa con giardino. Il verde fa da contrasto con il bianco delle pareti e cattura subito lo sguardo, riposandolo. Varcata la soglia, tutt’intorno è uno spettacolo di impeccabile ordine e armonia, come se la [...]

I Tuscani

Via Dante Alighieri, 18R 50121 Firenze

Una realtà imprenditoriale che ha inizio nel 2012 a San Frediano - Diladdarno come amano dire i fiorentini -, con il piccolo “Bistrot de I Tuscani” e già allora la parola d’ordine era “ciccia” e prodotti di qualità. Parola che è rimasta come vero e proprio manifesto dei ristornati I Tuscani, oggi presenti sia in Via Dante Alighieri [...]