To Top
Stellati

Ristorante Santa Elisabetta

Un’esperienza per pochi che vi darà molto

Fra le strette vie medievali del centro storico di Firenze si erge una torre antichissima. Ai tempi degli antichi romani al suo posto c’era un calidarium, cioè una struttura termale, l’unico che si conosca da questo lato della città. Secoli dopo, i bizantini edificarono la torre che poi, durante il Medioevo, divenne un carcere femminile, dove le detenute dormivano su giacigli di paglia, dando appunto alla costruzione il nome di “Torre della Pagliazza”. Oggi, restaurata, la torre è utilizzata per scopi sicuramente più piacevoli. È infatti diventata un ristorante di lusso, che l’intera Firenze dovrebbe scoprire: il ristorante Santa Elisabetta.

Con soltanto sette tavoli, questo ristorante promette un’esperienza gastronomica davvero esclusiva nel panorama della ristorazione fiorentina. Anzitutto per la sua stupenda location: un piccolo salone circolare dalle pareti di pietra, decorato, oltre che dai tavoli, da pochi mobili e specchi e quadri, che guarda la piazzetta antistante la torre. Il ristorante, poi, è inserito nella cornice dell’elegante Hotel Brunelleschi, e ne condivide gli elevati standard di servizio ed eleganza. Mangiando qui vi sentirete davvero parte di un’esperienza rara, riservata solo a pochi fortunati.

La rarefazione dei coperti non migliora solo la vostra sosta al ristorante, facendovi evitare situazioni di chiasso e sovraffollamento, ma consente al team del Santa Elisabetta, e in primis allo chef Rocco de Santis, di curare ciascun piatto come se fosse un gioiello, con tutta la cura artigianale al dettaglio che serve per regalare agli ospiti proprio quell’estasi che va cercando chi vuole sperimentare la créme dell’offerta enogastronomica fiorentina.

La proposta del ristorante si articola in tre menù: esiste la carte classica, ci sono i tre menù degustazione che vi guideranno attraverso un percorso sensoriale studiato dallo chef e, infine, il menù di proposte vegetariane e vegane, quasi a voler segnalare la volontà di portare le bellezze e i piaceri dell’arte gastronomica proprio a tutti compreso chi, per necessità o per scelta, rinunci a determinati alimenti.

La cucina dello chef De Santis è sofisticata ed essenziale, si basa su una profonda conoscenza degli ingredienti e sulla attenta lavorazione di tutti gli elementi che andranno a comporre il risultato finale. C’è una leggera prevalenza di piatti di pesce, che comunque dividono bene il loro posto sul menù con quelli di carne. Si tratta di creazioni raffinate, che non hanno paura di sperimentare con elementi esotici pur rimanendo sempre familiari, riconoscibili. Un esempio? Fra i primi piatti, le linguine al burro di alghe con yuzu e bottarga oppure, fra i secondi, il pollo croccante con cipollotto caramellato e arancia.

La maniera migliore di esplorare il menù, però, è quella di scegliere uno dei tre menù degustazione, veri e propri viaggi all’interno della gastronomia firmata dallo chef De Santis. La prima proposta è di cinque portate e si chiama “Tracce di innovazioni” e inizia da un antipasto di gambero rosso, passando per i bottoni ripieni di ricotta e limone e la triglia in crosta di pane allo zafferano per concludersi nel cannoncino di formaggi fusi con pere e salsa al vino rosso.

Da non sottovalutare, poi, è il menù dei dolci, firmato dal pastry chef Alfredo Brio, che sorprende con le sue intriganti proposte come il cremino al cioccolato con tè matcha, sorbetto di arancia e pepe; il biscotto all’orzo con cremoso di castagne e loto o il “Sottobosco”, una bavarese alle nocciole con caramello e mango. Qualunque cosa sceglierete, sarà sicuramente un ottimo coronamento per la vostra cena.

Se non l’avete già fatto, insomma, scoprite le meraviglie nascoste del Santa Elisabetta, ristorante-gioiello incastonato al centro esatto della storia fiorentina, con la sua eccezionale location d’epoca, le eccellenti creazioni della sua cucina e la sua capacità di trasportarvi in un altro mondo grazie all’incantesimo rinchiuso in ogni boccone.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di firenze e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

La cucina contemporanea di Andrea Aprea conquista Porta Venezia

Nel cuore di Porta Venezia, all’ultimo piano della Fondazione Luigi Rovati in Corso Venezia 52, apre i battenti il raffinato Ristorante Andrea Aprea: un luogo in cui gusto, memoria e tempo si incontrano. All’interno di un magnifico edificio storico che ospiterà il Museo d’Arte della Fondazione, la proposta gastronomica dello chef Andrea Aprea prende vita [...]

MOR: la cucina Middle-Terranean sul Lago di Como

Ad una sola ora di distanza da Milano, sulle sponde del Lago di Como, MOR stupisce ogni avventore attraverso un concept inedito ed esclusivo: un beach club con ristorazione di alto livello, che propone pietanze gastronomiche da assaporare ammirando il panorama mozzafiato su Bellagio e Tremezzo: Un autentico punto di ritrovo per chi desidera trascorrere [...]

La Bottega di Franco

Via Agucchi, 112 40131 Bologna

Tradizione, eleganza e internazionalità. Tre concetti che, applicati alla cucina, tratteggiano perfettamente la Bottega di Franco. A pochi chilometri dal centro di Bologna, in via Agucchi, il ristorante si trova fuori dalle ‘tratte’ turistiche principali, ma – ve lo garantiamo – vale il breve viaggio. Tutto nella Bottega di Franco concorre infatti a creare un’atmosfera [...]

Marcianino L’Osteria

Sestiere Cannaregio, 2690/A 30121 Venezia

Al civico 2690/A del Sestiere Cannaregio, incastonato nella zona delle Fondamenta Ormesini e immerso nel fascino della Venezia più autentica, troviamo Marcianino L’Osteria, locale imperdibile che fa innamorare i suoi avventori con una proposta di alta qualità e un’atmosfera rilassata e conviviale. Il dehors antistante l’insegna si propone come luogo ideale per una pausa pranzo [...]

I Ristoranti da provare durante la Design Week 2022

Durante la Milano Design Week la città si trasforma attraverso un calendario ricco di esposizioni, presentazioni e incontri che conquistano la città dal 6 al 12 giugno 2022. Un appuntamento imperdibile in cui, nel corso del Fuorisalone, installazioni, opere e mostre rendono omaggio all’affascinante panorama internazionale del design. Per il vostro tour di esposizioni e [...]