To Top
Cocktail Bar Drink

Bar Basso

Gli inventori del Negroni Sbagliato e il primo locale a proporre l’aperitivo al grande pubblico

A Milano, si sa, l’aperitivo è un’istituzione e i locali dove sorseggiare un buon drink prima di cena non mancano di certo in città. Ma per vivere questo rito in un ambiente unico, ricco di tradizione, che traspira storia e storie, nessun posto può eguagliare il Bar Basso, vero monumento di milanesità.

Fu il primo locale milanese, alla fine degli anni ‘60, a introdurre al grande pubblico l’aperitivo, fino a quel momento prerogativa esclusiva dei lounge bar dei grandi hotel internazionali, e da allora ha servito da bere a tre generazioni di clienti.

Già da fuori l’insegna rossa in neon, che pare scritta a mano, promette un’atmosfera vintage. Una volta entrati ci si sente catapultati in un’altra epoca: bancone in legno e oro, lampadari di cristallo, luci calde, camerieri in livrea con tanto di cravattino e sui tavolini quelle tovagliette rosa che fanno subito anni ‘80.

Non aspettatevi buffet da happy hour o cacofoniche quanto dozzinali “apericene”. Qui l’aperitivo è come vuole la tradizione nonché l’etimologia stessa del termine: drink (e che drink!) accompagnati da noccioline, olive e patatine per stuzzicare l’appetito senza rovinarlo.

I cocktail sono i protagonisti indiscussi, primo su tutti l’ormai leggendario Negroni Sbagliato, che nacque proprio qui nel 1968, quando lo storico proprietario e capo barman Mirko Stocchetto usò per sbaglio lo spumante al posto del gin. Lo servono con un unico blocco di ghiaccio oversize e una fettina d’arancio in bicchieroni giganti alti 31 centimetri, progettati dallo stesso Stocchetto e prodotti su misura da un’azienda veneziana. Questione di stile.

D’altra parte il Bar Basso ha sempre avuto un legame privilegiato con il mondo del design. Frequentato dai grandi designer fin dagli anni ‘60, ancora oggi è molto amato da architetti e artisti. Un luogo da non perdere durante i giorni del Salone del Mobile, quando giovani creativi da tutto il mondo affollano il locale e il dehor, ma anche in ogni momento in cui si ha voglia di un aperitivo “come una volta”.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Radio Rooftop Bar – ME Milan il Duca

Piazza della Repubblica 13, 20124 Milano

Entrando nella hall dell’hotel ME Milan il Duca, la vista e l’olfatto sono i sensi più veloci a entrare in fibrillazione. Il primo, constatando la raffinatezza degli arredi e la luce dorata avvolgente che ti invita a entrare; il secondo per quegli aromi delicatissimi di cui è pervaso l’ingresso. Nell’hôtellerie, in questo senso, sono dei maestri, non [...]

Seta – Mandarin Oriental Milan

Via Monte di Pietà 18, 20121 Milano

Alle spalle del quadrilatero della moda e dell’eccellenza delle grandi maison italiane e internazionali, all’interno del Mandarin Oriental, Milan - albergo di lusso tra i più rinomati in città - il ristorante stellato Seta, a un anno esatto dalla propria apertura, è diventato una delle mete più desiderate della ristorazione meneghina. Il segreto del successo? [...]

N’Ombra de Vin

Via San Marco, 2 20121 Milano

Senza girarci troppo intorno, e senza rifletterci troppo su. N'Ombra de Vin è senza dubbio il luogo più suggestivo quando si pensa e si parla di vino a Milano. Un luogo “sacro” se si considerano le sue origini, sorge infatti al posto del vecchio refettorio del ‘500 dei Frati Agostiniani a fianco della Basilica di San Marco. [...]

Sheraton Diana Majestic

Viale Piave 42, 20129 Milano

Oltre di un secolo di storia, profondamente intrecciata a quella della città, rende lo Sheraton Diana Majestic un punto di riferimento in una Milano che ha cambiato aspetto insieme a lui.  In viale Piave 42, all’angolo con Porta Venezia, questo hotel di lunga tradizione - progettato dall’architetto Achille Manfredini - si erge solido nella sua bellezza liberty, [...]

Crotto dei Platani

Via Regina 73, 22010 Brienno

È estate: colori, profumi e odori vi spingono ad andare sul lago per pranzo. E poi vi ritrovate a Brienno, al civico 73 di via Regina. Come un diamante, il ristorante Crotto dei Platani è letteralmente incastonato nella roccia, tra il Lago di Como e il Monte Gringo. Una veranda che promette riservatezza, con vista a dir poco mozzafiato. Poi un giardino, di fiori e platani e un terrazzino a dominare tutto [...]