To Top
Lifestyle

Il Camparino in Galleria è il Bar Rivelazione dell’Anno

Il successo senza tempo di una storica icona della Milano “da bere”

Affacciato su Piazza del Duomo e sull’affascinante salotto meneghino di Galleria Vittorio Emanuele II, il Camparino in Galleriada 106 anni, accompagna i ritmi della città, accogliendo i suoi ospiti in una location di charme che, dopo un recente restyling degli interni, conserva ancora le meravigliose architetture originali in un dialogo sinergico con un design contemporaneo e ricercato. Meta per eccellenza del rito italiano dell’aperitivo, qui ogni momento della giornata si trasforma in un’autentica celebrazione del gusto: dalla colazione alla pausa pranzo, dall’happy hour allo sfizioso appuntamento di cocktail & food pairing, in collaborazione con le proposte gastronomiche firmate dallo Chef Davide Oldani.

Una storia di successo e dal fascino senza tempo che, il 10 Febbraio è stata nuovamente celebrata con l’assegnazione al Camparino in Galleria del primo premio come “Bar rivelazione dell’anno” ai Barawards 2020, importante manifestazione italiana legata al settore dell’ospitalità d’eccellenza, promossa dalla rivista Bargiornale e dalle altre testate del gruppo Tecniche Nuove. Un riconoscimento  significativo che, ancora una volta, sottolinea il savoir faire e la passione che contraddistinguono, dal 1915, l’attività di questo storico indirizzo all’ombra della Madonnina che guarda con rispetto al passato, ma con un occhio sempre proiettato verso il futuro di una città in continua evoluzione.

A guadagnare un importante apprezzamento anche Matteo Capezzuoli, mixologist del Camparino in Galleria, nominato “Miglior Bartender Under 30”; un riconoscimento al talento e all’eccellente qualità dell’arte della miscelazione firmata Camparino e della sua selezione di drink: dalle intramontabili ricette internazionali ai grandi classici italiani, fino ai Signature cocktails da assaporare lentamente con una meravigliosa vista sulla Cattedrale meneghina. L’occasione perfetta per accomodarsi a uno dei tavolini al civico 21 di piazza del Duomo e brindare al successo di un’icona cittadina, simbolo della Milano più autentica.