To Top
Classifiche

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

Gallerie e musei per un’avvolgente immersione nell’arte

Culla di tendenze, Milano è anche città d’arte, animata da gallerie, musei e spazi espositivi in cui creatività internazionale e talento italiano prendono forma, allestimento dopo allestimento. Un programma ricco e in costante evoluzione che riunisce grandi nomi del panorama artistico a giovani talenti, in grado di regalare alla città un punto di vista innovativo e sfaccettato, in un continuum fra passato, presente e futuro.

Con l’arrivo della bella stagione, si inaugura un nuovo capitolo artistico, in cui fanno capolino fotografiaarti visivepittura e tecnologia. Un intreccio di forme di espressione l’una diversa dall’altra che hanno, però, in comune la capacità di emozionare e stupire l’occhio dell’osservatore, opera dopo opera. Flawless ha selezionato le mostre a Milano da vedere a Maggio: appuntamenti per tutti i gusti (e le età), da segnare rigorosamente in agenda.

LE SIGNORE DELL’ARTE.STORIE DI DONNE TRA ’500 E ‘600

Palazzo Reale | Piazza del Duomo, 12

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

CHIAMANAVIGATORE

34 artiste sono le protagoniste di questa mostra tutta al femminile, ospitata nelle eleganti sale di Palazzo Reale; 130 suggestive opere che esplorano il punto di vista di grandi donne tra il Cinquecento e il Seicento che hanno deciso di raccontare se stesse e il proprio ruolo sociale attraverso l’emozionante strumento della pittura. Un omaggio alle coraggiose “Signore dell’arte”, testimoni di un talento universale senza tempo.

PRIMA, DONNA. MARGARET BOURKE-WHITE

Palazzo Reale | Piazza del Duomo, 12

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

CHIAMANAVIGATORE

Cento scatti provenienti dall’archivio Life di New York testimoniano l’attività dell’artista Margaret Bourke-White, tra le figure più rappresentative del fotogiornalismo, lungo un excursus che svela la sua visione innovativa e controcorrente, dalle immagini dedicate al mondo industriale agli importanti reportage intorno al mondo. La forte testimonianza di un’intensa attività creativa e di un linguaggio innovativo per l’epoca americana del tempo, dove ogni foto si fa testimone di una storia densa di particolari e significati.

NEÏL BELOUFA – DIGITAL MOURNING

Pirelli Hangar Bicocca | Via Chiese, 2

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

CHIAMANAVIGATORE

L’artista francese Neil Beloufa tocca il suolo italiano per la prima volta con una spiazzante indagine sul rapporto tra l’essere umano, l’informazione e la pervasività della tecnologia nella vita quotidiana. All’interno di Pirelli Hangar Bicocca, una serie di riferimenti al mondo dei videogames, del web, della reality tv e della propaganda politica prendono vita sotto forma di video, lungometraggi, installazioni e sculture, con l’intento di riflettere su un’esistenza sempre più governata e definita da un algoritmo.

ROBOT. THE HUMAN PROJECT

MUDEC | Via Tortona, 56

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

CHIAMANAVIGATORE

Il Museo delle Culture è protagonista di una mostra dedicata al Robot e, più in generale, al rapporto e all’interazione tra uomo e macchina. Un racconto dal respiro tecnico-scientifico, ma anche storico e culturale in cui, dall’antichità ad oggi, l’umanità si è sempre confrontata con il suo “doppio”, mettendo in luce le innovazioni della robotica e dello sviluppo della cosiddetta bionica contemporanea. Un percorso immersivo e coinvolgente, in collaborazione con alcuni tra i più importanti Istituti di Ricerca, come l’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’IIT di Genova.

DANCING 30

Viasaterna | Via Giacomo Leopardi, 32

Le Mostre a Milano da Vedere a Maggio

CHIAMANAVIGATORE

All’interno della Galleria Viasaterna è stata inaugurata Dancing 30, mostra che porta la firma del duo artistico Kings, alias Daniele Innamorato e Federica Perazzoli. Un racconto magnetico che ricorda il misterioso locale “Club 30” di cui non vi sono più tracce, come dello stesso numero civico di via Leopardi, mancante sulle mappe. Un percorso tra neon, wallpaper, collage, installazioni sonore ed elementi estranianti, riecheggianti le atmosfere di un autentico dancing club d’élite, avvolto nel mistero della Milano patinata, tra passato, presente e futuro.