To Top
Ristoranti

Ristorante Borgo San Jacopo

Assaporate Firenze in tutto il suo splendore

Il ristorante Borgo San Jacopo non ha bisogno di presentazioni. Con la sua cucina stellata e la sua location esclusiva, la spettacolare vista dell’Arno, Ponte Vecchio e sullo sfondo, la torre di Palazzo della Signoria, l’esperienza gastronomica offerta da questo ristorante è qualcosa che semplicemente eccede ogni aspettativa. Stiamo parlando di uno dei migliori ristoranti della città.

L’ambiente in cui vi ritroverete entrando fa venire alla mente il lusso sobrio e lineare di certe gallerie d’arte, solo che qui, al posto di quadri e sculture, sono i piatti che vanno ammirati. I colori predominanti della sala sono chiarissimi: il bianco di tovaglie e boiserie, le tonalità miele del parquet e il grigio tortora delle sedie imbottite. Dalle grandi finestre che danno sul fiume, poi, la luce si riversa all’interno mentre, la sera, le finestre stesse sono come cornici che rinchiudono l’immagine della Firenze notturna con le mille luci del Lungarno.

Ma chi è lo chef ideatore del menù? Il suo nome è Peter Brunel ed è un uomo del nord. Originario della Val di Fassa, Brunel si è fatto le ossa al Laurin di Bolzano, nella brigata dello chef Nardelli, e ha continuato a lavorare sia in Italia che in Francia. Poi è venuta la Villa Negri a Riva del Garda che, dopo tre anni di innovazioni e ricerca, valse allo chef la sua prima stella. La sua vision come cuoco è molto ampia, fonde tecniche tradizionali e lampi di estro e attinge tanto dall’esperienza sulle montagne quanto dagli insegnamenti appresi in Francia.

I piatti in menù, insomma, sono delle autentiche meraviglie. La cucina di Peter Brunel è una fucina d’invenzione e di fantasia, che persegue il nuovo attraverso elementi e tecniche tradizionali. Che dire del Ricordo di Lofoten, ad esempio, con le sue alici marinate, l’acqua di mare e il foglio d’ostrica da accompagnare con un grissino al finocchio? O, fra i primi, dei bottoni di chinghiale con burro acido, caprino e lamelle di tartufo? Oppure ancora del piccione alla brace con foie gras, noci pecan, mandarino e tartufo? O i suoi famosi spaghetti di patate, ottenuti con la rottura delle fibre della patata cotta sottovuoto?

La lista dei dolci che leggete in menù è invece firmata da Loretta Fanella, virtuosa pastry chef che ha lavorato con Carlo Cracco e Oriol Balaguer, e che trasforma i piatti in tele tridimensionali dove dipingere colorati tableaus di sapori. Si tratta in prevalenza mousse, budini, sorbetti, gelati alla frutta e dolci cremosi con elementi croccanti come chicchi di caffè e amaretti. I vari sapori abbinati e presentati con impiattamenti pieni di estro, che denunciano un occhio che sa riconoscere il bello.

Borgo San Jacopo è, in definitiva, fra le cose migliori che potreste trovare a Firenze. Con la sua ottima proposta gastronomica, la sua cantina di vini eccellenti, la professionalità del personale e il grande stile in cui si svolgono i pasti, questo ristorante è fra i must go di tutti gli amanti dell’ottima tavola.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di firenze e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Pescheria Gallina

Piazza della Repubblica, 14b 10152 Milano

Perdersi tra la bellezza dei mercati, spinti dal desiderio di fare nuove scoperte tra stoffe colorate, profumi di spezie orientali e oggetti vintage. Lasciarsi avvolgere dal vociferare dei venditori, vagando senza una meta definita a priori. Questo è l’aspetto più coinvolgente di Porta Palazzo, cuore pulsante di Torino. Un luogo dove perdersi e ritrovarsi, ma anche [...]

Al Cambio

Via Stalingrado, 150 40128 Bologna

Al Cambio è un vero unicum nel campo della ristorazione bolognese. Chi viene da fuori lo conoscerà soprattutto per aver preso parte a una recente edizione di 4 Ristoranti, il programma televisivo condotto dallo Chef Alessandro Borghese, ma chi ha familiarità con le Due Torri sa che la sua peculiarità è un’altra. Parliamo, infatti, di uno dei pochi locali - [...]

Dal Biassanot

Via Piella, 16/a 40126 Bologna

Partiamo subito con una precisazione linguistica per chi ha poca familiarità col dialetto di Lucio Dalla e Cesare Cremonini: sotto le Due Torri, i “biassanot” sono, letteralmente, i “mangiatori della notte”, coloro che fanno le ore piccole fra osterie e locali. Lezioni di bolognese a parte, in città questo appellativo è conosciuto anche per una storica trattoria del centro. [...]

Belé

Via Fumagalli, 3 20143 Milano

Quasi affacciata sulle acque meneghine, al civico 3 di via Fumagalli, sorge Belé, ristorante e cocktail bar firmata dalla famiglia del Pinch, dove (ri)scoprire i sapori e i profumi della tradizione del Bel Paese, lungo un viaggio di ricerca e sperimentazione di una materia prima genuina e rispettosa della stagionalità. Un rifugio del gusto, dove autenticità e innovazione si intrecciano [...]

Mr. Lob

Corte Isolani, 6/b 40125 Bologna

Chi pensa che a Bologna non si possa trovare un astice buono come al mare, beh, si sbaglia. Nella terra dei tortellini in brodo e delle tagliatelle al ragù, infatti, è arrivato Mr. Lob, il primo lobster restaurant (prestito dall’inglese per indicare il pregiato carapace) sotto le Due Torri. Nella splendida cornice di Corte Isolani, uno degli scorci più belli in [...]

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo una semplificazione, una fonte affidabile, una guida. Flawless Milano è nata da questa esigenza e racconta le migliori esperienze da vivere a Milano con stile, precisione e personalità.

Flawless® è una realtà nata nel 2014 dal sogno di tre professionisti della comunicazione, della moda e del mondo digitale. Ogni giorno la nostra redazione vive le bellezze della città e ve le riferisce, per darvi idee, spunti e indicazioni sempre nuovi.

Copyright © 2020 Flawless Living s.r.l. - Via Copernico 8 - 20125 Milano - PI 08675550969