To Top
Fuori Porta

Camp di Cent Pertigh

Fuoriporta agreste tra detti e dialetto

“Sem ammò al camp di cènt pertigh!”, diceva sempre mio nonno ai suoi aiutanti contadini. Detto meneghino che di sicuro avrete sentito dire almeno una volta dai vostri nonni o dagli anziani del quartiere. E se anche non fosse così (niente nonni, siete milanesi d’adozione e non di fatto, oppure perché non lo siete affatto) non importa, voi di curiosità ne avete da vendere e di quel detto avete cercato in lungo e in largo origine e significato. È diventato persino il vostro grattacapo. Finché un bel giorno non lo avete trovato. “E dove?” vi starete chiedendo.

Camp di Cent Pertigh

Udite, udite, signore e signori! Segnate in agenda o direttamente nel navigatore: quel campo, che misura ben cento pertiche, si trova a Carate Brianza, lungo il viale Trento e Triste, al civico 63. Siete a Caràa, in dialetto brianzolo, al ristorante Camp di Cent Pertigh. Una distesa di campi raggiunge l’orizzonte davanti a voi, i vostri occhi si perdono in una variazione di smeraldi e ori preziosi. Boschi di carpini, querce, olmi e platani delimitano e indicano l’ingresso: vi trovate dentro al Parco della Valle del Lambro, in una vecchia cascina isolata, dove ora si fa ristorazione.

Camp di Cent Pertigh

Il passato è contadino, oltre a essere il fil rouge del ristorante Camp di Cent Pertigh: una cucina italiana regionale, spiccatamente lombarda, firmata dallo chef Silvano Zappa e dal suo sous-chef Daniele Caleffi, propone piatti locali e stagionali per riscoprire vecchi profumi e tutto il sapore della tradizione. Una carta dei vini rimembra storie di vincitori e vinti, con etichette italiane, europee, d’oltreoceano e dell’altro emisfero. Gli arredi, interni ed esterni, sottolineano il taglio agreste del locale, tra vecchi tavoli in legno, balle di fieno, sedute impagliate, fiori di campo, lino, cotone, finissime porcellane dipinte a mano, alzate e servizi da caffetteria in metalli ormai caduti in disuso.

Camp di Cent Pertigh

E il servizio? A cinque stelle: impeccabile e che non si scorda mai. Omaggio culinario della casa in apertura, bicchieri rabboccati, precedenza alle signore, giusta riverenza e attenzione quanto basta. Seguiti passo passo e assecondati in ogni desiderio e ambizione. Comodamente seduti nel cortile interno del ristorante su balle di fieno, fornite di cuscino in cotone misto iuta per favorirne la seduta, vi starete accorgendo che detti e dialetto fanno da padrone. Riflessi di luce di candele illuminano non solo i vostri volti ma anche un menù che narra storie di cibo, di vino, di uomini e donne che, in un campo di cento pertiche hanno vissuto, creduto e investito.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milan e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Moebius

Via Alfredo Cappellini, 25 20124 Milano

Un indirizzo meneghino che prende il nome da un fumettista francese - Jean Giraud. Qui, però, non si parla tanto di disegni, quanto più di idee e piatti; e la mano è quella stellata (due volte) dello chef Enrico Croatti. Moebius è un “terreno” fertile in cui prosperano indisturbati design, cucina e musica, circoscritto al civico 25 [...]

I Migliori Ristoranti Cinesi di Milano

La vita è bella perché è varia. Ma spesso ce ne dimentichiamo: quando si tratta di scegliere il ristorante per andare a pranzo o cena fuori, si punta sempre sull’italiano, un po’ perché di certo sappiamo non ci deluderà, un po’ per la tipica diffidenza che si tende ad avere nei confronti di tutto ciò [...]

I Ristoranti più Romantici di Milano

Quando gli innamorati lavorano, il tempo per ritrovarsi è un po’ limitato, a scapito del romanticismo e delle ricorrenze. La vita cittadina è bella ma ha il suo prezzo: la fretta. Facciamo tutto di fretta, continuamente, e trovare spazi liberi in cui inserire momenti di svago, di tranquillità e di piacere è sempre più difficile. Spesso [...]

10 ristoranti a Milano da provare a Febbraio

Dopo un primo mese di transizione che ha stabilito l’inizio di una nuova decade, Febbraio ha riportato quell’autentica energia milanese, tra spirito avventuriero e propositi sfavillanti per un 2020 all’insegna delle novità. Un calendario ricco di eventi, tra cui il tanto atteso Carnevale, che si dipana in 29 giorni da vivere intensamente, sfida le ancora rigide [...]

Ristorante Teatro alla Scala – Il Foyer

Piazza della Scala angolo Via Filodrammatici, 2 20121 Milano

Dopo una lunga chiusura che ha creato non pochi disagi al pubblico scaligero più affezionato - restio a rinunciare all’abitudine del tradizionale risotto alla milanese pre-spettacolo - ha riaperto qualche mese fa Il Foyer, evoluzione del Marchesino. Lo storico ristorante di Gualtiero Marchesi, inaugurato nel 2008, è stato sottoposto a una completa ristrutturazione su progetto di [...]

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di strumenti di comunicazione, a volte cerchiamo una semplificazione, una fonte affidabile, una guida. Flawless Milano è nata da questa esigenza e racconta le migliori esperienze da vivere a Milano con stile, precisione e personalità.

Flawless® è una realtà nata nel 2014 dal sogno di tre professionisti della comunicazione, della moda e del mondo digitale. Ogni giorno la nostra redazione vive le bellezze della città e ve le riferisce, per darvi idee, spunti e indicazioni sempre nuovi.

Copyright © 2020 Flawless Living s.r.l. - Via Copernico 8 - 20125 Milano - PI 08675550969