To Top
Fuori Porta

Camp di Cent Pertigh

Fuoriporta agreste tra detti e dialetto

“Sem ammò al camp di cènt pertigh!”, diceva sempre mio nonno ai suoi aiutanti contadini. Detto meneghino che di sicuro avrete sentito dire almeno una volta dai vostri nonni o dagli anziani del quartiere. E se anche non fosse così (niente nonni, siete milanesi d’adozione e non di fatto, oppure perché non lo siete affatto) non importa, voi di curiosità ne avete da vendere e di quel detto avete cercato in lungo e in largo origine e significato. È diventato persino il vostro grattacapo. Finché un bel giorno non lo avete trovato. “E dove?” vi starete chiedendo.

Camp di Cent Pertigh

Udite, udite, signore e signori! Segnate in agenda o direttamente nel navigatore: quel campo, che misura ben cento pertiche, si trova a Carate Brianza, lungo il viale Trento e Triste, al civico 63. Siete a Caràa, in dialetto brianzolo, al ristorante Camp di Cent Pertigh. Una distesa di campi raggiunge l’orizzonte davanti a voi, i vostri occhi si perdono in una variazione di smeraldi e ori preziosi. Boschi di carpini, querce, olmi e platani delimitano e indicano l’ingresso: vi trovate dentro al Parco della Valle del Lambro, in una vecchia cascina isolata, dove ora si fa ristorazione.

Camp di Cent Pertigh

Il passato è contadino, oltre a essere il fil rouge del ristorante Camp di Cent Pertigh: una cucina italiana regionale, spiccatamente lombarda, firmata dallo chef Silvano Zappa e dal suo sous-chef Daniele Caleffi, propone piatti locali e stagionali per riscoprire vecchi profumi e tutto il sapore della tradizione. Una carta dei vini rimembra storie di vincitori e vinti, con etichette italiane, europee, d’oltreoceano e dell’altro emisfero. Gli arredi, interni ed esterni, sottolineano il taglio agreste del locale, tra vecchi tavoli in legno, balle di fieno, sedute impagliate, fiori di campo, lino, cotone, finissime porcellane dipinte a mano, alzate e servizi da caffetteria in metalli ormai caduti in disuso.

Camp di Cent Pertigh

E il servizio? A cinque stelle: impeccabile e che non si scorda mai. Omaggio culinario della casa in apertura, bicchieri rabboccati, precedenza alle signore, giusta riverenza e attenzione quanto basta. Seguiti passo passo e assecondati in ogni desiderio e ambizione. Comodamente seduti nel cortile interno del ristorante su balle di fieno, fornite di cuscino in cotone misto iuta per favorirne la seduta, vi starete accorgendo che detti e dialetto fanno da padrone. Riflessi di luce di candele illuminano non solo i vostri volti ma anche un menù che narra storie di cibo, di vino, di uomini e donne che, in un campo di cento pertiche hanno vissuto, creduto e investito.

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Bacancíto

Via Crema, 16 20135 Milano

Tutto ha inizio in Porta Romana, in via Crema, 16 dove nasce un locale buono, diverso, bello e pure inclusivo. Avete capito bene, perché Bacancíto è il ristorante che include le due cucine latine per eccellenza più amate al mondo, quella argentina e spagnola, con quel tocco di italianità, che ci piace ed anche molto. [...]

I Migliori Ristoranti nel Quartiere Porta Genova a Milano

Il quartiere di Milano di Porta Genova è famosissimo in tutta la città per diverse ragioni: zona nevralgica che collega Piazza XXIV Maggio, i Navigli e Tortona, uno dei corsi, Corso Genova, meta prediletta per lo shopping di lusso e la stazione ferroviaria. Area metropolitana ideale per la vita sociale dopo il tramonto ma anche [...]

Ristorante Beluga

Via Amatore Sciesa, 1 20135 Milano

Cosa si conosce veramente della cucina dell'Est Europa più tradizionale? Spesso poco o nulla, eppure i paesi di questa parte del vecchio continente hanno una lunga e ricca storia culinaria, con molte influenze delle culture delle regioni confinanti e della Francia. Inoltre, un aspetto è molto chiaro: la cucina esteuropea ora sta fiorendo con nuove [...]

I Ristoranti a Milano da Provare ad Aprile

“Aprile dolce dormire”…Invece no! Non per voi che volete vivere la primavera con la giusta energia, godendovi le temperature finalmente più miti. Ora gustare un gelato sotto il sole e concedersi un pranzo all’aperto non provocherà più brividi o disagi e non sarà strano nemmeno trovare qualcuno al parco che già approfitta dei primi caldi [...]

Mezè

Via Pasquale Sottocorno, 19 20129 Milano

Sono tanti i passi e passaggi che si devono compiere per conoscere davvero un Paese, ma potremmo dire che sperimentare in modo approfondito, e soprattutto buono, la sua cucina è sicuramente un modo efficace per iniziare. A Milano è appena approdato Mezè, bistro che porta in città la cultura gastronomica libanese, ancora poco conosciuta qui [...]