To Top
Eventi passati

Predictably Irrational – JonOne

Ogni opera esposta rappresenta l’esempio del genio creativo di JonOne, equilibrista tra caos e controllo

La galleria d’arte contemporanea Wunderkammern a Milano ha scelto di ospitare per la sua seconda personale la mostra Predictably Irrational, dell’artista JonOne, figura emblematica nell’universo dei Graffiti e della Street Art.

Nato a New York nel 1963 e cresciuto ad Harlem, JonOne (al secolo John Andrew Perello) inaugura il suo percorso artistico a 17 anni, iniziando a realizzare graffiti sui muri della città sotto lo pseudonimo di Jon156, per poi dare vita al gruppo 156 All Starz. Successivamente si sposta a Parigi: proprio la capitale francese diventa il luogo e l’occasione per la sua affermazione artistica. L’artista di origini domenicane ha infatti esposto in importanti gallerie d’arte e istituzioni, come la Fondation Cartier e il Grand Palais, e a oggi vanta numerose collaborazioni con rinomati brand quali Guerlain, Lacoste, Perrier e Air France. Il primo gennaio 2015 è stato insignito della Legion d’onore francese e la sua ormai celebre opera Liberté, Egalité, Fratenité è stata presentata a Palazzo Borbone, sede dell’Assemblea Nazionale di Parigi.

Il trasferimento in Francia coincide con un’evoluzione della sua tecnica pittorica: il supporto prescelto non è più il muro bensì la tela e le bombolette spray cedono il posto alla tavolozza e al pennello, nel tentativo di trasmettere un nuovo ordine a un’arte di per sé sovversiva e al di fuori degli schemi. Le sue opere di fine art tuttavia mantengono inalterato tutto il graffiante fascino della Street Art mediante l’impiego del Tag “Jon”: il marchio-feticcio dell’artista viene infatti ripetuto in maniera ossessiva centinaia di volte, fino a perdersi all’interno dell’opera stessa secondo uno stile unico a metà tra i graffiti e l’Espressionismo astratto, capace di combinare calligrafia, colore e materia pittorica.

I suoi lavori presentati alla mostra Predictably irrational, realizzati con acrilico, olio e inchiostro appositamente per l’occasione, colpiscono immediatamente per la forza espressiva. Opere di grande intensità, che traggono ispirazione dalla vitalità brulicante e prorompente delle metropoli, traducendola attraverso l’uso del colore: toni vivaci, brillanti, a volte dalle sfumature quasi violente, in altri casi nuance plumbee capaci di far risaltare le pennellate dalle tonalità più vivide.

La mostra, curata da Giuseppe Pizzuto, rappresenta il risultato di una riflessione sull’opposizione tra caos e controllo: anche se le opere dell’artista sembrano il risultato di una creazione spontanea, di un gesto immediato dettato dall’istinto, la composizione risulta nell’insieme attentamente studiata, come se fosse scaturita da una scelta intenzionale. D’altro canto, l’inaspettata sovrapposizione dei colori giunge a sovvertire l’ordine e la simmetria della calligrafia, per una serie di tele il cui risultato è sorprendente.

Ogni opera esposta rappresenta l’esempio del genio creativo di JonOne, abile equilibrista sospeso tra previsto e imprevisto, tra ordine e scompiglio, tra pianificazione e improvvisazione. E il sottile filo su cui l’artista procede e di cui si compone la sua stessa arte altro non è che la formicolante, indecifrabile materia di cui è fatta la vita.

Inoltre, in occasione del Salone del Mobile, la Galleria Wunderkammern presenterà dal 12 al 16 aprile, in parallelo con la mostra Predictably irrational dell’artista JonOne, la collezione di arredo urbano 2016 BEND, “Outdoor e urban design”, ideata da Cini Boeri Architetti e prodotta da LAB23.

Ti potrebbero interessare anche...

L’Arte a Portata di Clic

In un momento in cui anche il mondo fisico dell’arte ha subito un rallentamento obbligato, bellezza ed estro creativo riescono a raggiungere le nostre case, in un percorso immersivo alla volta di musei, gallerie e istituzioni culturali che ci narrano, tramite contenuti audiovisivi interattivi, il loro personale modo di costruire un racconto volto a stupire noi [...]

Fondazione Pirelli HangarBicocca

Via Chiese, 2 20126 Milano

Un luogo dinamico di sperimentazione e ricerca. 15.000 metri quadrati che costituiscono uno degli spazi espositivi a sviluppo orizzontale più grandi d’Europa. Fra arte contemporanea, innovazione e avanguardia, Fondazione Pirelli HangarBicocca è un’autentica perla rara del panorama milanese. Situata nel quartiere Bicocca di Milano, l’edificio industriale nasce sulle ceneri di una ex fabbrica inizialmente pensata [...]

5 Mostre a Milano da vedere a Febbraio

Luogo di incontro fra storia e cultura, la città meneghina è diventata una meta imprescindibile per un viaggio alla volta delle innumerevoli forme di espressione artistica, in un turbinio di  rappresentazioni, mostre ed esposizioni. Un racconto spazio-temporale che a Febbraio si svela tra meravigliosi palazzi e poliedrici spazi museali, dove pittura, moda, scultura e documentazioni [...]

5 Mostre a Milano da vedere a Gennaio

All’inizio di ogni nuovo anno, puntuali come un orologio, i buoni propositi fanno capolino: i troppi impegni, gli imprevisti all’ordine del giorno e il tempo che sembra non bastare mai impediscono di ritagliarsi qualche ora per una cenetta in quel nuovo ristorante o per una visita culturale nel museo dove da anni ci si ripromette [...]

5 Mostre a Milano da vedere a Dicembre

Per aprire la classifica su Google Maps, clicca qui. Se la frenesia dei regali natalizi last-minute, la brulicante folla impazzita che invade il centro con le feste alle porte e l’ansia degli ultimi task da concludere prima della chiusura aziendale vi stanno notevolmente stressando, prendetevi una pausa e dedicate del tempo a voi stessi e al vostro bagaglio di [...]