To Top
Ristoranti

Il Liberty

Lo Chef Andrea Provenzani ha recentemente rinnovato il Liberty reinterpretando i grandi classici della cucina del nord Italia.

Avere dei punti di riferimento nelle grandi città risulta sempre difficile. Se parliamo di ristorazione poi, non solo è dura orientarsi ma bisogna anche cercare di stare al passo con tutto ciò che apre, chiude, si sposta, cambia gestione e si rinnova. È il caso quest’ultimo, del giovane Andrea Provenzani e del suo altrettanto dinamico staff che ha dato un nuovo look al Liberty.

Anche se non ho il piacere di conoscerlo di persona, l’ho visto nel suo ambiente, in cucina così come con i clienti e il suo sguardo dice molto. Una persona che ama il proprio mestiere e che ancora si dedica fortemente alla ricerca, allo studio della materia prima e a come interpretarla fornendo tanto gusto quanta tecnica.

Il nuovo design ha mantenuto una sobrietà sempre appartenuta al Liberty con uno stile degli arredi più asciutto, più minimale, dai toni più scuri ma equilibrati dalle luci, una zona accoglienza/bar molto intelligente e un bagno impeccabile… lo adoro! I ragazzi in capo alla sala sono giovani, dinamici e si muovono bene, confidenti. Danno sicurezza e questo non sempre è facile da trovare nelle realtà milanesi.

Il Liberty - Milano

Per cominciare vengono suggeriti alcuni cocktail, perché no.  Il menù è molto vario e nonostante le evoluzioni restano alcuni grandi classici. Non posso resistere a uno spaghettone al cipollotto brasato. Mi spiace, ma il fatto che sia un Benedetto Cavalieri si sente eccome: cottura perfetta, cremoso e leggermente piccante. Ci piace ed è insolito il servizio del primo in ciotoline dai bordi alti, usate più comunemente per una zuppa, di forma simile alle porcellane orientali.

bucatini latini alle doppie acciughe, in ogni caso, non sono da meno. La costoletta di vitello alla milanese è un classico: ristretta il giusto sull’osso, alta almeno due centimetri e mezzo e una crosticina abbrustolita e croccante che trasuda bontà. Quando vi appresterete a tagliarla il coltello scivolerà e sentirete subito quanta morbidezza c’è in questa carne. Nel menù è descritta come “rosa” e di fatto la carne è più che rosata, succosa, quasi dolce. Io l’ho trovata incredibilmente buona, certo diversa da chi ama la classica.

Il LIberty Milano

La parmigiana di melanzane è una reinterpretazione golosa di un piatto già godereccio di per sé. Sembra banale come commento, ma vi assicuro che la bontà di quella stracciatella fresca in contrasto con la croccantezza delle zucchine la sento in bocca ancora adesso. Non sono riuscita a provare i dolci ma ve li consiglio: la lista è ricca, io a questo punto li tengo per la prossima visita.

Se avete voglia di una cena tradizionale ma non troppo, in coppia o in compagnia, in un ambiente tranquillo e non eccessivamente vetusto regalatevi una cena al Liberty. Spero diventi anche per voi quell’indirizzo sicuro da salvare in agenda. Enjoy!

Noi no, per questo condividiamo ogni settimana le miglioni esperienze
di milano e dintorni...

Ti potrebbero interessare anche...

Acanto

Acanto, Piazza della Repubblica, 17 20124 Milano

L’acanto è una pianta erbacea dalle grandi foglie che hanno ispirato le decorazioni dei capitelli corinzi, con fiori dalle delicate sfumature bianche, rosee e violette, ed è sinonimo di prestigio e benessere. Acanto è quindi il nome perfetto per il ristorante dell’hotel Principe di Savoia, un’oasi di pace con giardino interno, situata al centro della [...]

Casa el Carnicero

Viale Bianca Maria, 8 20129 Milano

Viale Bianca Maria è uno dei vialoni più eleganti e suggestivi di Milano, costeggiato di palazzi primo Novecento in stile liberty, e punteggiato da tanti alberi che in primavera fioriscono all’unisono. Ma da pochi mesi, se alzate la testa all’altezza del numero 8, troverete anche…un cinema! Cioè, non esattamente un cinema, ma un megaschermo proiettato [...]

10_11 (Ten Eleven) – Portrait Milano

Via Sant'Andrea, 10 20121 Milano

Specifichiamolo subito, 10_11, si pronuncia all'inglese “Ten Eleven”. Un  nome piuttosto inusuale per un ristorante, dovuto al fatto che il luogo che lo ospita, ovvero l’hotel Portrait Milano, esclusivo punto d’incontro tra due diverse anime della città, vanti due ingressi, uno in Via Sant’Andrea 10 e l’altro in Corso Venezia 11. Ed è un quadro [...]

Yapa

Viale Monte Nero, 34 20135 Milano

È una cucina nomade, quella di Yapa, che trasporta immediatamente in un viaggio sensoriale tra il Mediterraneo, Asia e Sud America. Un viaggio che inizia a Milano, tra Porta Romana e V Giornate, quando si varca la soglia minimalista e un po' austera, che a prima vista sembra non avere nulla a che spartire con [...]

Sogni

Via S. Calocero, 8 20123 Milano

È letteralmente il ristorante dei sogni di Claudio Antonioli, celebre imprenditore della moda (a Milano ha due omonimi multistore di lusso e il club underground Volt), che pur mangiando spesso fuori per lavoro, non riusciva mai a trovare un luogo in grado di soddisfare completamente il suo palato e la sua estetica e che lo [...]

Bombardati quotidianamente da informazioni di ogni tipo trasmesse da un numero sempre maggiore di canali di comunicazione, a volte cerchiamo una semplificazione, una fonte affidabile, una guida. FLAWLESS è nata da questa esigenza e informa i propri lettori con consigli selezionati, utili e interessanti, raccomandando solo le migliori esperienze di lifestyle.

Copyright © 2024 Flawless Living s.r.l. - Via Copernico 8 - 20125 Milano - PI 08675550969